Champions League, il Psg stende il Liverpool e resta in corsa per gli ottavi

Bernat e Neymar firmano il successo contro i Reds, inutile il gol di Milner: finisce 2-1

  • A
  • A
  • A

Nel quinto turno del gruppo C di Champions League il Paris Saint Germain supera 2-1 il Liverpool, scavalcando gli inglesi in classifica (8 punti contro 6) al secondo posto (alle spalle del Napoli che ne ha 9) in un girone che si deciderà solo all'ultimo turno. Bernat (13') sblocca il risultato, poi Neymar (36') firma il raddoppio. Prima dell'intervallo (46') Milner riapre la gara su rigore, ma nella ripresa i francesi resistono.

Tuchel recupera sia Neymar che Mbappè, che con Di Maria e Cavani compongono un quadrilatero offensivo di grande pericolosità. A centrocampo, il tecnico tedesco avanza Marquinhos, che affianca Verratti (con Rabiot che si accomoda in panchina), schierando Thiago Silva e Kimpembe come diga centrale. Per il Liverpool l'unica vera novità rispetto al solito undici è l'inserimento a centrocampo di Gomez al posto di Arnold. In attacco il tridente di contropiedisti Salah-Firmino-Manè.

 Il primo tiro del match, al 2', è di Mbappè, che riceve da Di Maria e tenta un diagonale deviato in angolo. Un minuto dopo ecco il Liverpool con Salah, ma Kimpembe salva in corner. Il Psg inizia a premere e, dopo un sinistro di Di Maria respinto da Allison e un'altra conclusione di Mbappè, al 13' Van Dijk non riesce a liberare l'area su un cross basso dalla sinistra e Bernat ne approfitta per battere sul primo palo Alison per l'1-0. Il Psg continua a spingere, costringendo sulla difensiva i reds, che si fanno vivi solo al 21' con un sinistro di Salah fuori misura.

Alla mezz'ora Mbappè centra per Cavani, che manca di un soffio l'appuntamento con il 2-0. Che arriva però al 36': ancora Mbappè per Cavani, sul cui tiro Alison respinge, ma sulla palla si avventa Neymar che non fallisce. La partita si riapre però subito prima dell'intervallo, per un'entrata in ritardo di Di Maria su Manè, per il rigore che Milner trasforma spiazzando Buffon. Il secondo tempo si apre con il gol di Marquinhos che però il direttore di gara annulla per fuorigioco.

Poi il Liverpool cresce e il Psg inizia a sbandare. Come al 60', quando un colpo di testa di Firmino su cross di Robertson esce di un soffio. Tuchel allora corre ai ripari, togliendo Cavani e Di Maria e inserendo Chupo Moting e Dani Alves. Klopp risponde inserendo Sturridge per Firmino. Il nuovo assetto tattico fa respirare il Psg, che anzi torna a incidere in contropiede, con Mbappè e Neymar. Il finale è teso ma privo di colpi di scena: finisce 2-1, risultato che lascia tutto aperto in vista dell'ultima giornata. I francesi devono vincere a Belgrado per farcela, il Liverpool dovrà vedersela ad Anfield con il Napoli.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments