Champions, Juve-Sporting 2-1: Allegri ringrazia Pjanic e Mandzukic

Allo Stadium i bianconeri vanno sotto, ma poi ribaltano il match grazie al bosniaco e al croato

di STEFANO RONCHI

Tre punti preziosi per la Juve nella terza gara di Champions League. Allo Stadium la squadra di Allegri batte 2-1 lo Sporting Lisbona e scavalca in classifica i portoghesi. Al 12' gli uomini di Jorge Jesus passano in vantaggio grazie a un autogol di Alex Sandro, poi Pjanic pareggia i conti al 29' con una perla su punizione. Nella ripresa Mandzukic firma la rete che decide il match all'84' su perfetto assist di Douglas Costa.

ZoomDisattiva slideshow
Foto 1

Lapresse

Foto 2

Lapresse

Foto 3

Lapresse

Foto 4

Lapresse

Foto 5

Lapresse

Foto 6

Lapresse

Foto 7

Lapresse

Foto 8

Lapresse

Foto 9

Lapresse

Foto 10

Lapresse

Foto 11

Lapresse

Foto 12

Lapresse

Foto 13

Lapresse

Foto 14

Lapresse

Foto 15

Lapresse

Foto 16

Lapresse

Foto 17

Lapresse

Foto 18

Lapresse

Foto 19

Lapresse

Foto 20

Lapresse

Foto 21

Lapresse

Foto 22

Lapresse

Foto 23

Lapresse

Foto 24

Lapresse

Foto 25

Lapresse

Foto 26

Lapresse

Foto 27

Lapresse

Foto 28

Lapresse

Foto 29

Lapresse

Foto 30

Lapresse

Foto 31

Lapresse

Foto 32

Lapresse

Foto 33

Lapresse

Foto 34

Lapresse

Foto 35

Lapresse

Foto 36
Foto 37
Foto 38
Foto 39
Foto 40
Foto 41

LA PARTITA

Tre punti dovevano essere e tre punti sono arrivati. In Champions la Juve trema, ma non cade. Con lo Sporting la banda di Allegri porta a casa una vittoria sofferta, ma meritata e importantissima. Con i portoghesi dietro, infatti, i bianconeri possono guardare la classifica con occhi diversi e scrollarsi anche di dosso i fantasmi degli ultimi due turni di campionato. Certo, l'avvio non è stato dei migliori per la Signora, ma, visti i tempi, meglio vedere il bicchiere mezzo pieno. Allo Stadium, infatti, la Juve mette in campo grinta e carattere, più che qualità e idee. E il risultato dà ragione ad Allegri, che ora può giocarsi il passaggio del turno già a Lisbona. Una buona notizia per i bianconeri, che interrompono il momento delicato e ricompattano lo spogliatoio con una prestazione convincente soprattutto sotto il profilo caratteriale.  Con lo Sporting, del resto, la Juve aveva tutto da perdere e anche un mezzo passo falso avrebbe potuto rovinare tutto. E invece chiude l'andata del girone con sei punti e un'importante iniezione di fiducia.

Buone notizie, inoltre, arrivano anche dall'utilizzo del "vecchio" modulo. Contro lo Sporting, Allegri "rispolvera" infatti il 4-2-3-1 e i bianconeri cercano di sfruttare subito gli esterni e il prezioso lavoro di Mandzukic nella doppia fase. Con le squadre ordinate, il match si gioca tutto sulle corsie, con Dybala che prova ad arretrare per cercare spazio e illuminare la manovra. In cabina di regia però la Juve fatica a trovare tempi e distanze. Pjanic e Khedira corrono un po' a vuoto e lo Sporting alla prima occasione affonda il colpo, approfittando di un errore in copertura di Alex Sandro. Il brasiliano stringe troppo la diagonale su un inserimento di Martins e dopo un miracolo di Buffon devia in rete la respinta del capitano bianconero gelando lo Stadium. Un gol che brucia, ma che sveglia anche la banda di Allegri. Ferita e in affanno, la Juve prova infatti a rispondere subito con Khedira, Mandzukic e Dybala, ma Rui Patricio è attento. Poi il numero 1 dello Sporting deve arrendersi al "cecchino" Pjanic, che pareggia i conti con una pennellata delle sue su punizione. Agguantato il pareggio, i bianconeri provano ad alzare il ritmo, aumentando l'aggressività sulle seconde palle e avanzando il baricentro. Da una parte Alex Sandro prova a farsi perdonare mettendo il turbo, dall'altra è Cuadrado ad attaccare la profondità, costringendo i portoghesi a ripiegare e a difendersi. In pressione e rapida nella gestione della palla, la Juve aumenta i giri. Con l'aiuto del palo Rui Patricio salva su Higuain e il primo tempo si chiude sull'1-1.

Nella ripresa Benatia alza bandiera bianca e Allegri manda in campo Barzagli. E il feeling con Chiellini dà subito sicurezza ai bianconeri, lasciando più spazio e tempo a Khedira e Pjanic per recuperare palla in mezzo al campo e gestire il traffico. Marcati stretti, Higuain e Dybala provano ad abbassarsi per dialogare e favorire gli inserimenti di Cuadrado e Mandzukic. In pressione, la Juve prova a far valere il divario tecnico accelerando le giocate, ma Bruno Fernandes e Martins tengono vive le ripartenze portoghesi. Si gioca a strappi, con Higuain che veste i panni dei rifinitore e la Juve che ringhia. Con Dybala lontano dalla porta e Cuadrado un po' a corto di fiato, è Mandzukic l'uomo più pericoloso di Allegri. Ma il risultato, complice l'atteggiamento accorto dello Sporting, non cambia. Nel finale i portoghesi poi non riescono più a ripartire e serrano le linee, cercando di limitare i danni. Coates ferma il Pipita, poi Allegri azzecca la mossa: fuori Sturaro, dentro Douglas Costa. Alla prima palla toccata, infatti, il brasiliano pesca Mandzukic per il 2-1 finale che regala ai bianconeri il secondo posto nel girone in attesa di chiudere la "pratica" in Portogallo. La Juve soffre, ma c'è. 

LE PAGELLE

Mandzukic 7,5: solita grinta e attenzione tattica. Con Dybala e Higuain lontani dalla porta è l'uomo più pericoloso. Il gol che decide la partita è la sintesi del suo calcio. Forza fisica e tempismo
Pjanic 7: gestisce bene il traffico in mezzo al campo, soprattutto quando la palla gira più velocemente. La punizione con cui pareggi ai conti è la solita delizia
Chiellini 7: mai un errore, poche sbavature. Tante chiusure e presenza fisica nei momenti delicati della gara. Con Benatia fatica di più, con Barzagli va a nozze
Dybala 5,5: timido e poco ispirato. Arretra a cercar palla, ma troppo lontano dalla porta non fa male
Higuain 6,5: non segna, d'accordo, ma tocca tanti palloni e lavora per la squadra vestendo i panni del rifinitore. Fa a sportellate, difende palla, fa salire la squadra e innesca gli inserimenti degli esterni
Bruno Fernandes e Martins 6,5: uno in mezzo al campo e l'altro in fascia tengono viva la manovra dello SPorting. Tante ripartenze e buone idee

IL TABELLINO

JUVE-SPORTING 2-1
Juve (4-2-3-1): Buffon 6; Sturaro 6 (38' st Douglas Costa 6,5), Benatia 5 (1' st Barzagli 6,5), Chiellini 7, Alex Sandro 5,5; Pjanic 7, Khedira 5,5 (16' st Matuidi 6); Cuadrado 6, Dybala 5,5, Mandzukic 7,5; Higuain 6,5.
A disp.: Szczęsny, Asamoah, Bentancur, Bernardeschi. All.: Allegri 7
Sporting (4-2-3-1): Rui Patricio 6,5; Piccini 6, Coates 5,5, Mathieu 5,5, Fabio Coentrao 5,5 (33' st Jonathan Silva 5,5); Carvalho 6, Battaglia 6 (40' st Doumbia sv); Martins 6,5 (30' st Palhinha 5,5), Fernandes 6,5, Acuna 6; Dost 5,5.
A disp.: Salin, André Pinto, Bruno César, Podence. All.: Jorge Jesus 5,5
Arbitro: Michael Oliver (Ing)
Marcatori: 12' aut. Alex Sandro (J), 28' Pjanic (J), 39' st Mandzukic (J)
Ammoniti: Sturaro, Chiellini (J); Coates, Fernandes (S)
Espulsi:  -

TAGS:
Champions league
JuveSporting

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X