Psg, Cavani:"Non sono il salvatore"

Il bomber del Psg: "Non sono il salvatore". Emery: "Non siamo inferiori a nessuno"

  • A
  • A
  • A

Il Psg è chiamato all'impresa negli ottavi di Champions contro il Barcellona, che ha eliminato i parigini due volte nei quarti nel 2013 e nel 2015. I francesi, però, possono contare su un Edison Cavani stellare. "Un risultato positivo sarebbe un regalo simpatico per il mio compleanno - ha detto il Matador - Si vince e si perde insieme e non penso di essere il salvatore del Psg". Il tecnico Unai Emery: "Non siamo inferiori a nessuno".

Da quando Ibra ha lasciato Parigi, Edinson Cavani è rinato e con 35 gol in 33 gare ha fatto anche meglio di sua Maestà Leo Messi. "Si vince e si perde insieme. Non mi sento la stella del Psg, ma uno dei campioni di questa squadra - il tentativo del Matador di togliersi la pressione da dosso - Andiamo in campo per vincere, come sempre, quest'anno abbiamo iniziato un nuovo percorso, abbiamo vissuto un tempo di adattamento, le cose iniziano a funzionare, lavoriamo duro per raggiungere risultati importanti. E vogliamo fare meglio delle passate edizioni".

Psg-Barça è anche la sfida tra Cavani e Suarez, compagni di Nazionale e nemici per 180'. "Siamo molto amici - ha spiegato il bomber uruguayano - Siamo entrambi punte centrali, ma con delle differenze: Luis è molto fisico e gioca tanto con il corpo, io mi muovo un po' di più".

Nonostante un ruolino personale contro il Barcellona davvero negativo (una sola vittoria in 23 precedenti), Unai Emery crede nell'impresa. "Ogni partita è una storia a parte, sia per le squadre che si ritrovano che per i singoli giocatori - ha spiegato l'allenatore spagnolo in conferenza stampa -. La vittoria si ottiene grazie ai singoli e allo spirito collettivo. Sarà dura per noi, ma sarà dura anche per loro. Non ho l'impressione di giocarmi la stagione, anzi, la gara di domani sarà un'opportunità per crescere sia per me che per i miei giocatori. Non ci sentiamo inferiori a nessuno, qui ci sono giocatori molto importanti che stanno crescendo al Psg e che vogliono scrivere la storia, come individui come membri del club. La cosa più importante sarà vincere i duelli a livello tattico altrimenti non servirà a niente. Conosciamo molto bene questa squadra e questo è un vantaggio. Questa sfida è l'occasione perfetta per il club per continuare a crescere".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments