SPAGNA

Liga: l'Atletico Madrid rimonta il Villarreal, il Siviglia vince 3-0 in casa del Getafe

Colchoneros e andalusi sono appaiati al terzo posto: Simeone liquida il Sottomarino Giallo per 3-1, facile vittoria in trasferta per Lopetegui

  • A
  • A
  • A

Nella 25esima giornata di Liga l'Atletico Madrid batte in rimonta per 3-1 il Villarreal grazie alle reti di Correa, Koke e Joao Felix. I Colchoneros sono terzi insieme al Siviglia, che vince 3-0 in casa del Getafe con i gol di Ocampos, Fernando e Kounde. Entrambe sono a quota 43 punti, a -12 dal Barcellona capolista. Il Granada domina 3-0 a Pamplona contro l’Osasuna, quarto k.o. di fila per l’Athletic Bilbao che cade 2-1 contro l’Alavés.

ATLETICO MADRID-VILLARREAL 3-1
Sulle ali dell'entusiasmo per il successo in Champions League contro i campioni in carica del Liverpool, l'Atletico Madrid affronta un Villarreal che si è recentemente affacciato con prepotenza alla zona-Europa. Il Sottomarino Giallo passa alla prima e unica azione pericolosa del primo tempo. Paco Alcacer al 16' sorprende Oblak con un destro potente e angolato, punendo una respinta corta di Savic. L'Atletico, guidato per l'occasione da Burgos (Simeone è in tribuna), sembra giocare meglio quando c'è il Mono a bordo campo. Forse più liberi mentalmente e spensierati tecnicamente, i Colchoneros macinano occasioni da rete e solo Asenjo (clamorosa una doppia parata ravvicinata su Morata e Vitolo) tiene a galla il Villarreal nel primo tempo, chiuso sull'1-1 grazie al pareggio di Correa (40') che sfrutta un assist di Vrsaljko e una dormita di Pau Torres. Anche la ripresa è di marca madrilena: Asenjo fa buona guardia su un destro di Morata (che poi si arrabbia quando esce) e Thomas si fa vedere con un colpo di testa. Il Villarreal risponde con un blitz in area di Gerard Moreno: Oblak è felino nell'andare a terra e respingere con la mano. Nei Colchoneros entra Joao Felix, che avvia l'azione del vantaggio: Trippier (entrato nella ripresa) cavalca sulla fascia e appoggia a Correa, che serve capitan Koke per il 2-1 (64'). Il Sottomarino Giallo affonda definitivamente dieci minuti più tardi, quando sull'ennesima palla persa in zona pericolosa Joao Felix punisce scagliando un sinistro non irresistibile ma che viene deviato e beffa Asenjo. Il portoghese torna a segnare al Wanda Metropolitano in Liga dopo cinque mesi e sigilla il tris che riporta l'Atletico al terzo posto, seppur in condivisione con il Siviglia.

GETAFE-SIVIGLIA 0-3
Il Siviglia dopo tre partite senza vittorie ritrova il successo al Coliseum Alfonso Pérez, k.o. casalingo per il Getafe che non riesce a riscattarsi dopo la sconfitta contro il Barcellona. Nel primo tempo sono gli ospiti a fare subito la voce grossa, al 6’ Soria deve superarsi per parare la conclusione di Fernando. La squadra di Lopetegui non si rassegna al mancato vantaggio, al 43’ Reguilon serve in area piccola l’ex Genoa e Milan Ocampos che solo davanti a Soria non sbaglia di destro. Gli uomini di Bordalas non riescono a impensierire gli ospiti che continuano a macinare gioco e al 67’ segnano il 2-0. Calcio di punizione dell’ex rossonero Suso, de Jong interviene in spaccata e Fernando di testa trova la deviazione decisiva nei pressi della linea di porta. Il terzo gol degli ospiti al 75’ porta la firma di Kounde, bel diagonale che si infila sotto le gambe di Soria per il definitivo 3-0. Con questa vittoria gli uomini di Lopetegui si portano a +1 in classifica proprio sul Getafe e si ritrovano al terzo posto nella Liga.

OSASUNA-GRANADA 0-3
Partita senza storia allo stadio El Sadar di Pamplona, dove gli ospiti si impongono con un secco 3-0 e si portano a +5 nella classifica della Liga rispetto ai rivali. Il Granada passa in vantaggio già al 4’ con Machis, splendido il suo sinistro in corsa sotto l’incrocio, non può intervenire Sergio Herrera, incolpevole. Al 28’ lo stesso Machis raddoppia con un sinistro di potenza diretto sotto la traversa dopo una ripartenza fulminea ispirata da un lancio di un altro Herrera, il suo compagno Yangel. Un gol tutto venezuelano per la coppia del Granada e doppietta personale per Machis. L’Osasuna incassa e non riesce a reagire, il diagonale al 41’ di Foulquier è il colpo del k.o. su assist del solito Yangel Herrera, ispiratore di tutte le iniziative in avanti della squadra allenata da Penas.

ALAVES-ATHLETIC BILBAO 2-1
L’Athletic Bilbao si presenta allo stadio Mendizorrotza e rimedia la quarta sconfitta consecutiva in campionato, merito dell’Alavés che non si è demoralizzato dopo lo svantaggio ed è stato capace di ribaltare il match all’ultimo respiro. Ora i padroni di casa si trovano a -1 dai baschi in classifica. Gli ospiti sbloccano la sfida al 17’ grazie a Raul Garcia, che appena fuori dall’area accarezza il pallone di sinistro e con lo stesso piede infila la palla nell’angolino con una conclusione rapida e precisa. La reazione dei padroni di casa non si fa attendere, dieci minuti dopo il fallo di Alvarez procura un rigore alla squadra di Garitano, dal dischetto Lucas Perez spiazza con freddezza Simon e pareggia i conti. Non ci sono altre occasioni rilevanti fino al duplice fischio che fa terminare la prima frazione. Nella ripresa la sfida si accende nel finale, Lucas Perez centra una traversa e al 91’ batte la punizione decisiva, intercettata in spaccata da Ely, che mette a segno il gol del definitivo 2-1.

VALLADOLID-ESPANYOL 2-1
Allo stadio municipale José Zorrilla il Valladolid batte l’Espanyol 2-1 e va a +10 in classifica sugli ospiti, ultimi a quota 19 punti insieme al Leganés. Nel primo tempo non ci sono occasioni rilevanti ma gli ospiti rimangono in inferiorità numerica a causa dell’espulsione del centrocampista David Lopez, che rimedia ingenuamente la doppia ammonizione che lascia in dieci i suoi. I gol arrivano nella ripresa, al 77’ Ramirez si appropria del pallone dopo una respinta dell’ex Milan Diego Lopez e riesce a sorprendere il portiere con un tiro forte e preciso, vantaggio Valladolid. I padroni di casa raddoppiano cinque minuti dopo: Lopez falcia in uscita Unal, Sergi Guardiola ne approfitta e appoggia nella porta sguarnita. Nonostante l’inferiorità numerica l’Espanyol reagisce e accorcia le distanze al 93’ con il rigore trasformato da Embarba dopo un fallo di mano in area di rigore.

RISULTATI E CLASSIFICHE

Vedi anche Liga: poker di Messi, il Barcellona spaventa il Napoli e supera il Real Madrid sconfitto dal Levante 
 
  Calcio estero Liga: poker di Messi, il Barcellona spaventa il Napoli e supera il Real Madrid sconfitto dal Levante  

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments