Europa League: vincono Manchester United e Wolverhampton, Gerrard impone il pari al Porto

Un rigore di Martial piega per 1-0 il Partizan, la squadra di Cutrone (sostituito al 45') batte 2-1 lo Slovan Bratislava. Nel gruppo della Roma, Basaksehir-Wolfsberger 1-0

  • A
  • A
  • A

Sorridono le inglesi nel turno delle 19 di Europa League. Il Manchester United passa per 1-0 a Belgrado grazie al rigore segnato da Martial al 43'. Bene anche il Wolverhampton, che vince 2-1 a Bratislava contro lo Slovan: Cutrone parte titolare ma viene sostituito al 45'. Porto-Rangers 1-1, mentre nel gruppo della Roma l'Istanbul Basaksehir batte 1-0 il Wolfsberger: rete di Kahveci (78') e altra esultanza con il saluto militare.

GRUPPO J
Una partita equilibrata, quella tra Istanbul Basaksehir e Wolfsberger. Particolarmente interessata la Roma, visto che i giallorossi guidano il gruppo J davanti agli austriaci. I padroni di casa fanno un favore alla squadra di Fonseca, trovando la prima vittoria nel girone grazie al gol di Kahveci al 78': bella l'azione del centrocampista turco, che si porta avanti il pallone con la suola e conclude con l'esterno sinistro all'angolino, per poi esultare, ancora una volta, con il saluto militare.

Classifica: Roma 5, Istanbul Basaksehir 4, Wolfsberger 4, Borussia Moenchengladbach 2

GRUPPO L
Continua la solida Europa League del Manchester United, che chiude la terza partita di fila con la porta inviolata. I Red Devils passano 1-0 sul campo del Partizan Belgrado, dopo aver rischiato di andare sotto (palo di Sadiq, preceduto dal montante colpito da Lingard). L'episodio decisivo arriva al 43': Miletic atterra Williams in area, dal dischetto va Martial, al ritorno tra i titolari, che spiazza Stojkovic. Nell'altra partita del girone, l'AZ dispone a suo piacimento dell'Astana: 6-0 con due rigori di Koopmeiners (43' e 83') e le reti di Boadu (43'), Stengs (77'), Sugawara (85') e Idrissi (92').

Classifica: Manchester United 7, AZ Alkmaar 5, Partizan Belgrado 4, Astana 0

GRUPPO K
Lo Sporting Braga vince una partita pazza a Istanbul: il Besiktas prende un palo con Boyd e una traversa su punizione di Ljajic, ma va sotto per un errore di Ozyakup che innesca il contropiede portoghese finalizzato da Ricardo Horta (38'). I padroni di casa pareggiano con un colpo di testa di Nayir, lasciato solo sul secondo palo, al 71' e fallisce un'altra clamorosa opportunità: Ljajic si procura un rigore ma lo calcia sul palo. Il Braga punisce con un contropiede velocissimo capitalizzato da Wilson Eduardo (80') e mantiene la testa del girone, a +1 sul Wolverhampton. Gli inglesi (Cutrone titolare ma sostituito al 45') vanno sotto a Bratislava dopo 11 minuti (gol di Sporar), ma ribaltano il match nella ripresa grazie al tiro dalla distanza di Saiss (58') e al rigore trasformato con freddezza da Raul Jimenez (63').

Classifica: Braga 7, Wolverhampton 6, Slovan Bratislava 4, Besiktas 0

GRUPPO G
I Rangers Glasgow impongono il pareggio al do Dragao di Porto. I padroni di casa vanno in vantaggio al 36' con uno spettacolare destro all'incrocio del colombiano Luis Diaz, ma si fanno raggiungere a un minuto dall'intervallo da Morelos, che sfrutta un grande assist taglia-difesa di Barisic. La squadra di Steven Gerrard perde contatto dallo Young Boys, ora capolista solitaria nel girone grazie al 2-0 rifilato al Feyenoord: in Svizzera sono decisivi due rigori. Il primo è netto, con Edgar Ié che scambia la sua area per un campo di pallavolo: realizza Assale al 14'. Il secondo è più discutibile: scontro tra Assale e il portiere Vermeer, l'attaccante si allunga il pallone ma sembra già in caduta. Dal dischetto stavolta segna Nsame (28').

Classifica: Young Boys 6, Rangers 4, Porto 4, Feyenoord 3

GRUPPO I
Regna l'equilibrio nel girone che vede come favorite, sulla carta, Wolfsburg e Saint Etienne. I tedeschi vanno sul doppio vantaggio a Gent ma si fanno riprendere all'ultimo tuffo: reti di Weghorst al 3' e di Joao Victor al 24' per gli ospiti, al 41' Yaremchuk riapre la partita con un destro da 25 metri. L'ucraino fissa il risultato sul 2-2 al 94', grazie a un tocco acrobatico nell'area piccola. Nell'altra partita del girone, delude il Saint Etienne, che pareggia 1-1 in casa con l'Oleksandriya. Fa tutto l'ex Udinese Gabriel Silva, che dopo 8 minuti sblocca il punteggio con un bel sinistro, ma al 14', nel tentativo di rifugiarsi in corner e spazzare una situazione pericolosa, non frena la corsa e tocca male il pallone, facendolo finire in rete.

Classifica: Wolfsburg 5, Gent 5, Oleksandriya 2, Saint Etienne 2

GRUPPO H
Doppia vittoria esterna nel girone dell'Espanyol. I catalani vincono in trasferta per 1-0 contro il Ludogorets e superano i bulgari in classifica. Rete decisiva di Campuzano dopo 13 minuti, con la difesa padrone di casa che si addormenta su una respinta di testa della difesa bianco-blu. A un passo dall'eliminazione il CSKA Mosca, che perde 1-0 in casa contro il Ferencvaros. I russi hanno almeno sei chiare occasioni per segnare ma vengono puniti a quattro minuti dal termine da un tocco a porta vuota di Varga.

Classifica: Espanyol 7, Ludogorets 6, Ferencvaros 4, CSKA Mosca 0

GRUPPO A
Nell'anticipo del girone del Siviglia, finisce 2-2 tra Qarabag e APOEL. Azeri in vantaggio al 13' grazie a un tocco dolce di Quintana, ospiti che rimontano con l'autogol di Medvedev (29') e a un gol di Hallenius (45'). L'ex Genoa approfitta di un pasticcio incredibile della difesa del Qarabag, che regala il pallone da una punizione a favore e lo perde una seconda volta per una clamorosa disattenzione di capitan Sadygov, che perde il contatto visivo con la sfera. Un colpo di testa in terzo tempo di Ailton fissa il risultato sul 2-2 al 58'.

Classifica: Siviglia 6, Qarabag 4, Dudelange 3, APOEL 0 (Siviglia e Dudelange una gara in meno)

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments