L'INTERVISTA

Conte: "Faccio spendere tanto? Mi viene da ridere. Lukaku unica spesa folle"

Il neo allenatore del Tottenham ha parlato della sua nuova esperienza in Premier ricordando il felice biennio all'Inter

  • A
  • A
  • A

Quando nell'intervista a Sportweek gli chiedono se farà spendere troppi soldi al Tottenham, Antonio Conte ci tiene a sfatare uno dei luoghi comuni che lo riguardano: "Mi viene da ridere. Mi lasci dire che io nella mia carriera alla fine ho sempre fatto guadagnare, non spendere. Ho spesso lavorato con giovani da formare, atleti svalutati o da ricostruire, calciatori che fino a quel momento non avevano mai vinto. Tutti giocatori che si sono rivalutati, grazie al mio lavoro. In carriera ho chiesto solo un giocatore che è stato pagato tanto: Lukaku".

Un'occasione per parlare del suo recente passato nerazzurro: "Chiesi l'attaccante belga in base agli obiettivi che mi erano stati presentati. I dirigenti dell’Inter vennero a casa mia a dirmi che volevano abbattere l’egemonia della Juve e portare l’Inter sul tetto del mondo, sfruttando grandi disponibilità economiche. Chiesi Lukaku ritenendolo fondamentale. Ma guardi anche a quanto è stato rivenduto: quasi il doppio, come Hakimi. Ma potrei citare la valorizzazione di Barella, Bastoni, Lautaro, che prima del mio arrivo non giocava… Alla Juve ho avuto il piacere di lavorare con Barzagli, Bonucci e Chiellini: fenomeni, ma quando li avevo io ancora non avevano vinto nulla".

Conte è poi passato al presente, che ora si chiama Tottenham: "Il presidente Levy ha dimostrato di volermi a tutti i costi. Nelle sue parole e negli investimenti fatti ho percepito la voglia di eccellere. Se uniamo questa capacità fuori dal campo a quello che posso dare io in campo, si può davvero impostare un lavoro serio e profondo. La squadra è giovane, ma ci sono ampi margini di miglioramento. La concorrenza è spietata con i quattro colossi Chelsea, City, Liverpool, United. E poi Arsenal, West Ham, Everton… Non mi hanno mai spaventato le sfide, mi basta avere anche solo un 1% di possibilità di vincerle per iniziare la mia battaglia. Non ho mai preso squadre che avevano vinto l’anno prima, ma sempre percorsi di ricostruzione. La Juve veniva da un ottavo posto, il Chelsea da un decimo, l’Inter da un quarto. So che ci vorrà un po’ di pazienza stavolta. A Milano ho lasciato un lavoro finito. Qui devo ricominciare da capo ed entrare a stagione in corso non è mai semplice".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti