PARIGI-ROUBAIX

Sonny Colbrelli in cima al mondo: chi è l’azzurro che ha vinto la Parigi-Roubaix  

Dopo 22 anni, al debutto, riporta in Italia la Regina delle classiche. Alla partenza aveva detto: "Ragazzi, ci vediamo sul bus, perché tanto oggi duro poco…"

di
  • A
  • A
  • A

Anche l’inferno del Nord può diventare paradiso e una corsa drammatica e durissima come la Parigi-Roubaix può regalare sogni immensi. L’urlo di gioia di Sonny Colbrelli dopo la volata nel velodromo è la sintesi di tutto: sofferenza, fatica, azzardo e coraggio da vendere. Perché solo così si può domare la Regina delle classiche. Il corridore che da ragazzo faceva il metalmeccanico pur di coltivare la sua passione a due ruote, ora è in cima al mondo.

È stata una stagione magica per lui, cadenzata dal successo al campionato italiano e a quello europeo. A 31 anni Sonny, si chiama così perché a sua madre piaceva il personaggio detective della serie Miami Vice – vive la sua giornata più bella, oltretutto al debutto alla Roubaix.

Era dal 1999 (con Andrea Tafi) che l’Italia non vinceva su quelle strade, ci è riuscito Colbrelli nell’edixzione più terribile degli ultimi 20 anni, con pioggia, fango, vento, cadute a ripetizione e sogni infranti. Come quello di Moscon, prima appiedato da una foratura e poi vittima di una caduta che ha fatto sfumare tutto.

Ma se un azzurro cade, un altro firma un capolavoro: batte Vermeerchs e Vander Peol e sfreccia verso la corsa dei suoi sogni. Alla partenza aveva detto ai compagni: "Ragazzi, ci vediamo sul bus, perché tanto oggi duro poco…".

Vedi anche Ciclismo, Parigi-Roubaix: magia di Colbrelli nel fango  ciclismo Ciclismo, Parigi-Roubaix: magia di Colbrelli nel fango 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments