TGCOM24
LE NEWS IN TEMPO REALE 24 ORE SU 24. VIDEO, CRONACA, TELEVISIONE, SPORT, MOTORI, VIAGGI

SportMediaset

Concesse rigore inesistente: radiato arbitro ghanese

La Fifa ha riconosciuto Joseph Lamptey colpevole di combine

Sudafrica-Senegal (Afp)

La Fifa ha radiato a vita un arbitro ghanese, reo di aver concesso un rigore inesistente al Sudafrica nel match di qualificazione ai Mondiali del 2018 contro il Senegal per un presunto fallo di mano commesso dal difensore del Napoli Kalidou Koulibaly lo scorso novembre. La gara finì 2-1 per i Bafana Bafana. Secondo il comitato etico della Fifa, Joseph Lamptey è stato condannato alla squalifica a vita perché ritenuto colpevole di combine.

Il direttore di gara è stato squalificato a vita per aver violato l'art.69, paragrafo 1, del codice disciplinare Fifa che riguarda il tentativo di influenzare illegalmente il risultato di una partita. L'episodio incriminato al 41', quando Lamptey ha visto un fallo di mano del napoletano Koulibaly e ha assegnato il penalty tra le proteste dei senegalesi. La Fifa non ha rilasciato ulteriori commenti e lo farà solo quando la squalifica sarà definitiva.

Assolto, invece, l'assistente di linea Nii Lartey Laryea, anche lui finito nel mirino della commissione disciplinare. Non è ancora chiaro, a questo punto, se il match Sudafrica-Senegal, terminato 2-1 per i padroni di casa, verrà ripetuto. Ora Lamptey può ricorrere in appello presso la Fifa e poi, eventualmente, rivolgersi al Tribunale Arbitrale dello Sport (TAS) di Losanna.

IL VIDEO DEL RIGORE CONTESTATO

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X