Us Open: Kerber regina a New York

Sul cemento di Flushing Meadows la tedesca, nuova numero 1 del mondo, si impone in tre set e conquista il secondo major in carriera

  • A
  • A
  • A

Settimana da sogno per Angelique Kerber che, dopo aver risalito la classifica mondiale ed essere arrivata al numero 1, conquista anche il titolo degli Us Open, quarto e ultimo torneo stagionale del Grande Slam sui campi in cemento di New York. A Flushing Meadows la mancina di Brema, 28 anni e già vincitrice quest'anno dell'Australian Open, ha battuto in tre set 6-3, 4-6, 6-4 in poco più di due ore di gioco la ceca Karolina Pliskova.

Sul campo centrale di New York la Kerber, da lunedì nuova numero 1 del mondo davanti a Serena Williams, parte forte e strappa subito il servizio alla Pliskova. Da lì la tedesca salva due palle break e poi nel nono game ruba di nuovo il servizio alla ceca e chiude il primo set 6-3. Nel secondo parziale arriva la reazione della Pliskova che nel settimo game centra il break e poi difende la sua battuta fino al 6-4 finale che vale la parità e l'approdo al terzo e decisivo set.

Qui la 24enne di Louny, che da lunedì sarà al numero 6 Wta, riparte forte con l'inerzia a favore e si porta sul 3-1. Sembra la fuga giusta ma proprio nel momento migliore la Pliskova si inceppa e la Kerber infila tre game consecutivi per rimettere tutto in equilibrio. Nel decimo game, col servizio a favore della ceca, la mancina di Brema è perfetta e centra il break decisivo che le permette di chiudere 6-4 e festeggiare la vittoria dello Us Open. "E' straordinario: due Slam in una stagione. Questo è l'anno migliore della mia carriera. Cosa significa essere numero uno? E' un sogno che avevo fin da bambina che ora è diventato realtà", ha detto la tedesca. Angelique Kerber da lunedì sarà la prima tedesca al numero 1 del ranking da Steffi Graf nel 1997 ed è soltanto la terza mancina a trionfare a New York dopo Evelyn Sears (1907), Martina Navratilova (1983, 1984, 1986 e 1987) e Monica Seles (1991 e 1992).

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments