Tennis, Fognini sconfitto in finale a Changdu: svanisce il sogno dei quattro tornei in un anno

In Cina vince Tomic al tie-break dopo quattro match point sprecato dall'azzurro

  • A
  • A
  • A

Fabio Fognini è andato quattro volte vicino a fare la storia ma si è arreso a Bernard Tomic: la finale a Chengdu (Cina) è terminata 2-1 per l'australiano che si è imposto 6-1, 3-6, 7-6 (9-7). Niente da fare quindi per il tennista ligure che si ferma a tre tornei vinti nel 2018, San Paolo, Bastad e Los Cabos: un successo lo avrebbe trasformato nel primo italiano a riuscire a trionfare per quattro volte in un anno.

Fognini, che era testa di serie numero 1, dopo poco più di due ore di match si ritrova sull'1-6, 6-3, 6-6 e 6-3 ma non riesce mai a chiudere tra errori gratuiti ed ace di Tomic, altro errore sul 7-6 e alla fine il numero 123 al mondo non sbaglia alla prima occasione chiudendo 9-7.

Un peccato soprattutto perché, dopo un primo set irriconoscibile anche dal punto di vista fisico, Fognini strappa la battuta sul 3-1 del secondo dando segnali di risveglio nell'accelerazione che porta al 5-3, preludio del 6-3 che evita il controbreak dell'avversario. Nel terzo set gli alti e bassi del ligure, troppo spesso marchio di fabbrica, portano al tie-break e alle quattro palle sprecate.

Fognini si ferma dunque a otto tornei pro vinti in carriera ed è secondo tra gli italiani come numero di finali, 18, dietro solamente alle 26 di Adriano Panatta. Adesso lo aspetta il torneo di Pechino, una finale potrebbe portarlo al 12.mo posto del ranking ATP eguagliando la posizione dell'agosto del 1973 di Paolo Bertolucci.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments