WIMBLEDON

Tennis, Djokovic rimonta Norrie e vola in finale a Wimbledon

Il serbo supera in quattro set 2-6, 6-3, 6-2, 6-4 il britannico, idolo di casa, e raggiunge l'ottava finale a Londra. Se la vedrà con Kyrgios

  • A
  • A
  • A
© afp

Uno strepitoso Novak Djokovic conquista l'accesso alla sua 32esima finale in uno Slam. A Wimbledon, il serbo trionfa in semifinale sul britannico Cameron Norrie, numero 12 del mondo, con il punteggio di 2-6, 6-3, 6-2, 6-4. Qualche brivido iniziale per il campione in carica che vince in rimonta e, domenica, affronterà nell’ultimo atto l’australiano Nick Kyrgios che è approdato alla sua prima finale dopo il forfait di Rafael Nadal

Ventisette vittorie consecutive sul campo di Wimbledon e un nuovo record personale. Novak Djokovic dimostra ancora una volta di essere a suo agio sul prato inglese e torna, per il quarto anno consecutivo, in finale a Londra. Questa volta il serbo batte, con un po' di difficoltà, Cameron Norrie dopo una gara iniziata in salita. Parte meglio il britannico rispetto a Djokovic, con quest'ultimo che fatica e commette numerosi errori. Tanto che l’inglese si porta avanti di due break e in mezz’ora conquista il primo set. Il serbo rientra in campo con una concentrazione diversa e vince il secondo parziale, riportando in parità la gara. Il numero 3 della classifica ATP torna piano piano ai suoi livelli e domina il terzo, salendo subito sul 5-1 e chiudendo i giochi alla prima occasione utile (6-2 il parziale finale). Nel quarto set Djokovic approfitta del piccolo sbandamento del padrone di casa e si porta avanti di un break. Norrie non molla e rimane attaccato all’avversario (5-4). Nell'ultimo game Nole non sbaglia e davanti al pubblico del Centrale stacca il pass per la sua ottava finale sull’erba inglese.

Il serbo, nell’atto conclusivo di Wimbledon, affronterà quindi Nick Kyrgios. L’australiano è uno dei pochi tennisti che può vantare un record positivo contro il campione in carica dei Championships. I precedenti sorridono al giocatore di Canberra, capace di imporsi in due set negli ultimi due scontri diretti. Dall’altro lato il serbo potrebbe arrivare a superare il personale numero di titoli consecutivi vinti in uno Slam. Domenica la rivincita tra i due che designerà il nuovo re di Wimbledon.
 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti