Menu
HomeHome

Atletica e giornata della memoria: la vita incredibile di Shaul Ladany

Atletica e giornata della memoria: la vita incredibile di Shaul Ladany

Il New York Times lo definì “An ultimate survivor”, il più grande sopravvissuto. Shaul Ladany, in effetti, “sopravvissuto” lo è stato due volte. Nato a Belgrado, il 2 aprile 1936, in una famiglia di ebrei di origine ungherese, Ladany, da bambino, finisce internato nel campo di concentramento di Bergen Belsen. Dopo la seconda guerra mondiale, il 20 dicembre 1948 riesce a sbarcare ad Haifa e da quel momento vive in Israele, dove diventa un professore universitario di ingegneria e un atleta di alto livello nella marcia. Più volte è costretto a sospendere lavoro e sport per indossare di nuovo la divisa da ufficiale di artiglieria: lo fa per la “Guerra dei sei giorni” (1967) e di nuovo per quella di Yom Kippur (1973).

Le olimpiadi

Come marciatore vive una prima esperienza olimpica a 32 anni, partecipando ai Giochi di Città del Messico 1968, dove si classifica 24° nella 50 km di marcia. Quattro anni dopo, all’età di 36 anni, viene di nuovo convocato per i Giochi olimpici, nella tragica edizione di Monaco di Baviera 1972. Il 3 settembre 1972 si classifica 19° nella 50 km di marcia (nella foto). Due giorni dopo, nella notte tra il 4 e il 5 settembre, un commando palestinese denominato “Settembre nero” fa irruzione al numero 31 di Connolly Strasse, dove è ospitata la delegazione israeliana. È l’attentato rimasto nella storia come “La strage di Monaco” o “La strage delle Olimpiadi”.

I terroristi prendono in ostaggio gli ospiti degli alloggi 1 e 3. Ladany, con altre cinque persone, si trova nell’alloggio numero 2 e per questo si salva, riuscendo a fuggire da un’uscita posta sul retro della palazzina. Ora, Shaul Ladany vive a Omer, nel deserto del Negev. La sua incredibile vita è diventata un libro, “Cinque cerchi e una stella” (premio Bancarella Sport 2013, Add Edizioni), scritto da Andrea Schiavon, giornalista di Tuttosport.
Ogni compleanno Ladany lo festeggia percorrendo di marcia tanti chilometri quanti sono gli anni che compie. Il prossimo 2 aprile compirà 83 anni.

TAGS:
Correre
Corsa
Running
Atletica leggera
Giornata della memoria

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X