Napoli, allarme Insigne: "Rinnovo? Ci è stata data una risposta in estate che non ci è piaciuta"

E l'agente di Hamsik rivela: "Rifiutate maxi offerte dalla Cina"

Hamsik, Lapresse

Uno ha rischiato di andare via e ha scelto una volta ancora Napoli. L'altro potrebbe decidere di cambiare aria a fine stagione. Marek Hamsik da una parte, Lorenzo Insigne dall'altra. In mezzo le solite voci di mercato, questa volta, però, rilanciate dai rispettivi agenti. Eccole allora, a partire da Fabio Andreotti, procuratore del piccolo attaccante napoletano: "Il rinnovo? - ha spiegato a Radio Crc - Dipenderà solo dal club, ci è stata data una risposta in estate che non ci è piaciuta. Lorenzo sta bene a Napoli e De Laurentiis conosce bene la nostra volontà. Non ho avuto nessun contatto con il Bayern per Lorenzo, ma gli occhi di questi grandi club non mi meraviglierebbe".

Parole che suonano come un allarme e non possono non spaventare il Napoli e i suoi tifosi. Il punto è questo: Insigne vuole restare in azzurro, ma non a tutti i costi. Prima ci sono insomma da discutere rinnovo e ingaggio e adeguare lo stipendio del giocatore al suo valore attuale. Perché la questione è tutta qui: la stagione di Insigne è stata fin qui talmente buona da attirare l'attenzione di grandi club stranieri. Se quindi il Napoli vuole trattenerlo, deve coccolarlo un po', accontentarlo, valutarlo quanto merita.

Diverso il discorso relativo ad Hamsik che, invece, ha sempre rispedito al mittente offerte milionarie piovute da altre squadre e da altri campionati. Ultimo in ordine di tempo, ha raccontato a Slovak Radio Juraj Venglos, agente dello slovacco, quello cinese: "Hamsik - ha detto - ha ricevuto diverse maxi offerte da più di un club cinese, ma non sono state prese nemmeno in considerazione. Lui è solo concentrato sul Napoli e a vincere il campionato con la squadra azzurra. È normale che un giocatore come Marek sia famoso sul mercato cinese ed proprio per questo che hanno cercato di convincerlo”.