Milan-Suso, prove di rinnovo. E Leo va a Nizza per Saint-Maximin

Lo spagnolo pronto a firmare fino al 2024. Per il francese summit settimana prossima

  • A
  • A
  • A

Il Milan si muove in fascia. Con Suso, con il quale si sta lavorando a un rinnovo di contratto fino al 2024. E sul fronte Saint-Maximin, per cui è già in agenda un fine settimana (il prossimo) in Costa Azzurra per parlare con il Nizza. Partiamo da quest'ultimo, perché va fatto un chiarimento rispetto a quanto da noi anticipato una settimana fa. Avevamo parlato di accordo già raggiunto, in realtà, prendendo anche atto della smentita del club francese, trattasi di principio di accordo. C'è una differenza sottile, ma che non si può trascurare. Il punto è sempre lo stesso: il Milan e il giocatore si sono parlati e hanno la comune volontà di chiudere. A Saint-Maximin è stato offerto un quinquennale tra il milione e mezzo e i due milioni a stagione (bonus compresi), cifra che triplicherebbe l'attuale ingaggio dell'esterno. Offerta irrinunciabile che, infatti, Saint-Maximin ha accettato di buon grado. Resta da trovare la quadra con il Nizza. I rossoneri della Costa Azzurra partono da 30 milioni, il Milan ne offre 20 più bonus. Si arriverà tutto compreso attorno ai 25 e difficilmente l'affare potrà naufragare partendo da queste ottime basi d'intesa. Due precisazioni: la prima, la trattativa è legata al raggiungimento di una posizione Champions del Milan per le note questioni del FFP; la seconda, negli ultimi giorni si stanno muovendo anche un paio di club di Premier. Fin qui niente di allarmante, ma la concorrenza inglese è sempre pericolosa.

Da un giocatore che potrebbe arrivare a uno che già c'è e vuole restare il più possibile. Suso, attualmente sotto contratto fino al 2022 (ultimo prolungamento nel 2017), è pronto a firmare un nuovo accordo con il Milan. Lui a Milano sta bene e lo ha più volte ripetuto, la trattativa quindi non dovrebbe essere troppo complicata. Si parla di un rinnovo fino al 2024 con adeguamento dell'ingaggio - anche questo dipende dalla Champions, ndr - ma soprattutto di una clausola da portare a 60 milioni, una cifra ritenuta più adeguata a un giocatore che comunque in Europa ha discreto mercato e potrebbe finire seriamente nel mirino di diversi club. Allo studio anche la possibilità di eliminare del tutto la clausola, in modo da lasciare al Milan la libertà di rifiutare eventuali proposte, ma la questione è quasi un dettaglio dato che comunque Suso non ha mai manifestato la volontà di andarsene. Anzi.

Fatto sta che Lucci, agente dello spagnolo, ha già cominciato i primi colloqui con la dirigenza rossonera e nei prossimi mesi sono previsti altri incontri per definire il tutto. In buona sostanza non resta che aspettare la fumata bianca - non c'è fretta, ovviamente - e continuare nel frattempo a preoccuparsi della sola cosa che realmente conta: raggiungere con il Milan un piazzamento Champions.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments