L'Inter ufficializza Joao Mario

Il benvenuto di Zhang Jindong e Thohir: "Giocatore importante, rinforza una rosa già competitiva"

  • A
  • A
  • A

Era stato lo Sporting Lisbona ad annunciarlo, poi è arrivata la conferma anche dall'Inter: Joao Mario è un giocatore nerazzurro a titolo definitivo. Il portoghese è a San Siro e prima della sfida col Palermo saluterà i tifosi presenti a San Siro. Sabato Joao Mario ha sostenuto le visite mediche e ha incontrato i compagni e il tecnico Frank De Boer ad Appiano Gentile. Si tratta di un affare da 45 milioni: 40 + 5 di bonus. È il secondo giocatore più pagato della storia dell'Inter, dopo Vieri.

Il giocatore, dunque, arriva a titolo definitivo e non in prestito con obbligo di riscatto, come paventato nelle prime settimane della trattativa con lo Sporting Lisbona. Uno dei cinque milioni di bonus è legato alla vittoria dello Scudetto mentre un altro scatterà in caso di vittoria dell'Europa League.

Il nuovo acquisto nerazzurro è stato accolto dalla dirigenza dell'Inter. "Ho seguito l'Europeo di Joao e visto la finale vinta dal Portogallo. Ora gli auguro di raggiungere altri successi con la maglia dell'Inter" ha detto Zhang Jindong, numero uno di Suning. Anche il presidente Thohir ha dato il benvenuto al portoghese: "Sono felice di dare il benvenuto a Joao. E' un giocatore importante che abbiamo seguito a lungo e andrà a rinforzare una rosa già competitiva".

A San Siro Joao Mario è stato intervistato da Premium Sport e ha mostrato tutto il suo entusiasmo per la nuova avventura. Il portoghese ha lasciato lo Sporting dopo quasi quindici anni di militanza (giovanili comprese). Lo Sporting, con la sua cessione, ha realizzato l'incasso maggiore della propria storia, mentre per l'Inter si tratta del secondo acquisto più costoso di sempre (dopo Vieri, costato 90 miliardi di lire) e davanti a Crespo.

Un peso che Joao Mario non sembra soffrire: "Certamente è stata una decisione importante lasciare lo Sporting e venire all'Inter: sono felice di essere qui. Spero di aiutare la squadra a raggiungere i nostri obiettivi". Come detto, il portoghese non si scompone: "Secondo giocatore più pagato nella storia dell'Inter? Una bella responsabilità, ma non ci penso tanto. Voglio solo aiutare la squadra, cercheremo di centrare la qualificazione in Champions League".

Poi uno sguardo agli obiettivi: "Scudetto? Possiamo sognare e lavorare per raggiungerlo, ma dobbiamo pensare a passo dopo passo, prima c'è la Champions e se possibile cercheremo di vincere il titolo. Dopo le due partite con la Nazionale spero di iniziare ad allenarmi e se l'allenatore vorrà sono pronto".

Giornata di annunci sull'asse Milano-Lisbona. Per un Joao Mario presentato a San Siro, ecco che lo Sporting Lisbona ha annunciato l'ingaggio di Pedro Delgado (19 anni), trequartista portoghese dell'Inter, uno dei prospetti migliori della Primavera nerazzurra. Si tratta di un'operazione portata a termine nell'ambito dell'affare Joao Mario. Per Delgado contratto fino al 2018 con opzione per altre tre stagioni e clausola rescissoria da 45 milioni

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments