Le dichiarazioni scontate di Sanchez e Mkhitaryan: "Tifosi fin da bambini"

Alexis allo United: "Ho sempre voluto giocare nel Manchester". L'armeno ai Gunners: "È il club che tifavo da piccolo"

  • A
  • A
  • A

Siamo abituati alle dichiarazioni standard dei giocatori che approdano in una nuova squadra. "È un sogno essere qui", "Voglio vincere tanti trofei" (chi non vorrebbe?), "Darò tutto per questa squadra" (e meno male). Ma lunedì, quando finalmente si è concretizzato il grande scambio di mercato tra Arsenal e Manchester United, con Alexis Sanchez all'Old Trafford e Mkhitaryan che è passato ai Gunners, ecco che i due si sono cimentati nella più grande vetta delle dichiarazioni post-trasferimento. Il loro predecessore più illustre? Zlatan Ibrahimovic, che disse di tifare Inter fin da bambino quando vestì i colori nerazzurri, salvo poi dire che seguiva anche Milan e Juventus.

Alexis Sanchez, che fino al mese scorso sembrava avere occhi e desideri solo per il Manchester City e per Guardiola, ha esagerato: "Sin da quando ero un ragazzino il mio sogno è sempre stato quello di giocare nel Manchester United. Non lo dico perché sono qui adesso. Da bambino ho sempre detto che avrei voluto giocare all'Old Trafford e una volta ne parlai anche con Sir Alex Ferguson".

Allo stesso tempo, Henrikh Mkhitaryan ha rilasciato le sue prime parole da Gunners: "Sono davvero contento della conclusione di questo accordo, e sono felicissimo di essere qui. È un sogno che si realizza perché davvero ho sempre sognato di giocare per l'Arsenal. Adesso che sono qui, farò il massimo per fare la storia del club".

Siamo proprio al top delle dichiarazioni da tipici nuovi arrivati.

Un'operazione ampiamente annunciata e che si era sbloccata sabato scorso quando l'ormai ex giocatore del Manchester aveva accettato la proposta di trasferirsi ai Gunners. "Alexis è uno dei migliori attaccanti del mondo e completerà il nostro giovanissimo e talentuoso gruppo di giocatori offensivi - afferma José Mourinho sul sito del club -. Porterà la sua ambizione e personalità, è un giocatore che rende la squadra più forte ed i sostenitori orgogliosi del proprio club". Sanchez - il cui contratto sarebbe scaduto a giugno 2018 -, ha firmato un contratto di quattro anni e mezzo, guadagnerà più di 12 milioni di euro all'anno. Ha scelto la maglia numero 7, che fu di Best, Cantona, Cristiano Ronaldo e altri grandi campioni. Altrettanto entusiasta Arsene Wenger per l'arrivo dell'armeno: "Henrikh è un giocatore molto completo. Crea occasioni, difende bene, accorcia gli spazi. Dico che è un giocatore che ha tutti gli attributi necessari".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments