DINASTIA DA CORSA

Sainz Jr., una Ferrari per sognare in grande

Con l'ingaggio di Sainz Jr. la Ferrari si assicura un pilota già esperto ma dal potenziale almeno in parte da esplorare. E con un un sogno personale da inseguire ... a lungo termine

di
  • A
  • A
  • A

Si prepara ad affrontare la sua seconda ed ultima stagione al volante della McLaren, con la Ferrari già in testa. E, intorno, gli sguardi di un padddock che già lo vede fasciato di rosso ... ma di un rosso appena meno acceso di quello del compagno di box Leclerc, il predestinato. Non corrererebbe però in Formula Uno (e la Ferrari non lo avrebbe ingaggiato)  Carlos Sainz Jr.,se non avesse talento, coraggio e ambizione da vendere

Di figli che hanno seguito le orme (anzi le traiettorie) dei padri, in qualche caso con successo, la storia delle corse automobilistiche sulle quattro o sulle due ruote non è affatto avara.  Damon Hill nel 1996 ha eguagliato papà Graham ( due volte iridato), Nico Rosberg ha bissato nel 2016 il titolo 1982 di Keke. Jacques Vileneuve ha addirittura fatto meglio di papà Gilles ... almeno in termini di  albo d'oro. Molto particolare e "inedita" è però la missione che - dal 2021 - si stenderà davanti al muso della Ferrari di Carlos Sainz Jr.: vincere il Mondiale, come papà Carlos Sr., ma farlo sulle piste della Formula Uno invece che sulle strada del Campionato del Mondo Rally. Certo, si tratta di una missione complicatissima e come minimo parecchio futuribile. Le priorità del 25enne ferrarista prossimo venturo sono altre: lo sono, soprattutto, quelle già stilate dal quartier generale della Rossa a Maranello. Eppure, fissato questo punto certo, vale pena conoscere meglio il percorso fin qui seguito nel Mondiale dal figlio del Matador, iridato appunto nei rally con la Toyota nel 1990 e nel 1992, quando "Junior" doveva ancora venire al mondo.

Cresciuto nella "spietata" filiera Red Bull, Carlos Jr. ha avuto per suo primo compagno di squadra in Toro Rosso nientemeno che ... Max Verstappen: stagione 2015 e avvio di quella successiva, prima che l'olandese (di tre anni più giovane di lui e coetaneo ... proprio di Leclerc) venisse promosso alla ... casa madre, vincendo subito il GP di Spagna a Barcellona. Eppure nel 2015 il giovane Sainz non ha sfigurato nel confronto con Verstappen, almeno nella prima parte dell'annata, migliorando con il 12esimo posto nel Mondiale 2016 il 15esimo della stagione dell'esordio. Per poi entrare stabilmente nella top ten grazie al nono posto del 2017 (iniziato con la Toro Rosso, completato con la Renault) ed al decimo della stagione successiva, tutta in giallonero Renault. Prima del passaggio alla McLaren in sostituzione di ... Fernando Alonso, suo connazionale ... ed ex ferrarista. Un'eredità impegnativa, una stagione brillante, chiusa con uno straordinario sesto posto nella classifica generale. Straordinario perchè nella Formula Uno contemporanea le prime sei caselle sono ... riservate  a chi siede dentro l'abitacolo di una Mercedes, di una Ferrari, di una Red Bull. Mentre Sainz, senza chiedere permesso, si è messo alle spalle proprio Alexander Albon e Pierre Gasly che si sono divisi la "lattina volante".

Carlos si metterà al volante della Rossa all'inizio del 2021, all'inizio del suo sesto Mondiale. Con cinque stagioni iridate alle spalle, una sesta da iniziare, ancora all'insegna dell'incertezza. Comunque sia, una strada tracciata, una certa esperienza. Farà molto comodo alla Ferrari, ma forse non è del tutto rassicurante per le pur legittime ambizioni del pilota spagnolo che solo sul finire della scorsa stagione in Brasile ha conosciuto per la prima volta la strada del podio. Per intanto, la famiglia Sainz è un raro caso al modo di nucleo familiare (e dinastia da corsa)  che può permettersi di guardare di buon occhio all'anno in corso. Carlos Sr. lo ha iniziato vincendo con la Mini la sua terza "Dakar": la prima "saudita" dopo quelle del 2010 (Volkswagen) e del 2018 (Peugeot) in America Latina. Carlos Jr. ha messo la firma su un biennale Ferrari per il 2021 ed il 2022. Di questi tempi, un lusso.

 

 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments