Bologna-Pescara si giocano la A

Emiliani e abruzzesi si giocano la promozione in A al Dall'Ara: agli emiliani basta il pareggio

  • A
  • A
  • A

Cala il sipario sulla Serie B. Resta soltanto un verdetto, il terzo e ultimo posto valido per la promozione in A, e a giocarselo sono Bologna e Pescara: dopo lo 0-0 dell'Adriatico, i decisivi 90 minuti si giocano al Dall'Ara. In caso di parità a festeggiare saranno gli emiliani grazie al miglior piazzamento ottenuto al termine della stagione regolare. Assenza pesante tra gli abruzzesi: Oddo dovrà fare a meno di Bjarnason, convocato in Nazionale.

Comunque vada il Dall'Ara sarà una bolgia: sono attesi più di 30mila tifosi per una finale di ritorno dei playoff che promette spettacolo e tensione alle stelle. Il Bologna è a un passo dal ritorno nella massima serie dopo un solo anno di purgatorio, agli abruzzesi serve un'impresa per tornare nel calcio che conta dopo due stagioni.

La sfida è un derby del tutto particolare tra i due tecnici: da una parte il 55enne Delio Rossi, dall'altra il 38enne esordiente Massimo Oddo. Il primo ha allenato il secondo ai tempi della Lazio dal giugno 2005 al gennaio 2007 prima che Oddo si trasferisse al Milan. Mancherà Bjarnason, una delle pedine più importanti nello scacchiere abruzzese, l'uomo che con un rigore decise il preliminare contro il Perugia. Ma in casa Pescara l'ottimismo arriva dalla cabala: ad arbitrare l'incontro sarà Michael Fabbri, lo stesso della sfida del Curi dello scorso 26 maggio. I precedenti nella stagione regolare, però, sorridono agli emiliani che hanno vinto 3-2 a Pescara e pareggiato 0-0 al Dall'Ara. Un risultato che andrebbe benissimo anche stasera.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments