Serie A, Roma-Genoa 3-3: pari e rimpianti per Fonseca

Pinamonti, Criscito (rigore) e Kouamé rispondono alle reti di Under, Dzeko e Kolarov

di
  • A
  • A
  • A

Pari e rimpianti per la Roma di Fonseca nella prima giornata di Serie A. All'Olimico tra i giallorossi e il Genoa finisce 3-3. Gol e spettacolo nel primo tempo, con i padroni di casa avanti due volte con Under (6') e Dzeko (30') e due volte ripresi dal Grifone grazie a Pinamonti (16') e Criscito (rigore al 43'). Nella ripresa poi il film non cambia: Kolarov segna su punizione al 49', ma Kouamé pareggia ancora i conti al 70'.

LA PARTITA
Con la difesa altissima, la Roma inizia l'era Fonseca senza paura. E all'Olimico l'avvio del primo tempo è un monologo giallorosso. Corta e compatta, la banda di Fonseca manovra con precisione da dietro, verticalizzando con rapidità e appoggiandosi a Dzeko per far salire la squadra. Il meglio però arriva dalle corsie esterne. Kluivert e Under hanno un altro passo quando attaccano la profondità e ai giallorossi bastano sei minuti per sbloccare la gara col turco, bravo a seminare il panico partendo da destra e a freddare Radu. Un guizzo che due minuti dopo rischia di bissare dopo un lancio col contagiri di Pellegrini e che sveglia il Grifone. 

In svantaggio e pressato, il Genoa si affida ai lanci lunghi per saltare il centrocampo e sorprendere la retroguardia giallorossa. Tattica che funziona alla perfezione dopo un quarto d'ora. Romero beffa Juan Jesus di testa e serve a Pinamonti la palla del pareggio. Un gol che rimette tutto in discussione ed evidenzia le fragilità difensive dei giallorossi. Fragilità che non minano però il credo offensivo di Fonseca, il coraggio degli esterni e la qualità dell'attacco giallorosso. Alla mezz'ora tocca così a Dzeko far esplodere nuovamente l'Olimpico con una giocata da campione. Poi Zaniolo e Florenzi sfiorano il tris. Occasioni che mostrano la superiorità della Roma in attacco, ma che non risolvono i problemi dietro. Difficoltà che Kouamé e Pinamonti sfruttano sul finire del primo tempo, mandando ancora in tilt Juan Jesus e procurandosi il rigore che Criscito trasforma per il 2-2. 

Ripresa nuovamente, nel secondo tempo la Roma rientra in campo carica. A ritmi alti e con gli spazi più aperti, quando attaccano, i giallorossi hanno gamba, idee chiare e piedi buoni. Come quelli di Kolarov, che grazie anche alla goal line tecnology riporta subito avanti gli uomini di Fonseca su punizione. Un gol che ribalta nuovamente il match, ma che non chiude la gara. Già, perché con la linea difensiva e gli esterni molto alti, dietro la Roma balla. Come quando Florenzi perde Ghiglione e Kouamé sigilla il 3-3 finale a 20' dal termine. Tre volte avanti, tre volte ripresa. Per la Roma targata Fonseca la prima stagionale è zeppa di rimpianti e di equilibri ancora da trovare. 
 

LE PAGELLE
Under 6,5: l'avvio di gara è fulminante. Segna e semina il panico dalla sua parte. Poi fallisce il 2-0 da buona posizione e lentamente esce dal vivo della manovra, sparendo dai radar
Dzeko 7: parte in sordina facendo il compitino, poi sale in cattedra deliziando l'Olimpico. Il gol del 2-1 è un gioiello di precisone, tecnica e personalità. Bomber vero
Kolarov 6,5: sinistro fatato, come sempre. Ma anche tanta corsa e lavoro sporco in fase di contenimento e impostazione. Decide la gara
Juan Jesus 4,5: insicuro, falloso e poco lucido. Sul primo gol del Genoa si fa sorprendere da Romero, sul secondo procura il rigore travolgendo Pinamonti con un intervento senza senso
Fazio 5: lento e macchinoso. Insieme a Juan Jesus fatica a presidiare la zona centrale della difesa e fa tremare la baracca  
Pinamonti 7: gol e rigore procurato. Un bel bottino. Dalle sue parti arrivano poche palle, ma quelle che arrivano riesce quasi sempre a renderle pericolose
Criscito 6: va in affanno sulle sgroppate di Florenzi, facendosi trovare a volte fuori posizione, ma riesce a tenere i nervi saldi. Freddo dal dischetto sul 2-2
Kouamé 6,5: ottima l'intesa con Pinamonti e la continuità con cui attacca la profondità fino alla fine. Sul 3-3 si fa trovare al posto giusto nel momento giusto

 

IL TABELLINO
ROMA-GENOA 3-3
Roma (4-2-3-1): Pau Lopez 6; Florenzi 6,5 (33' st Zappacosta 6), Fazio 5, Juan Jesus 4,5 (21' st Mancini 5,5), Kolarov 6,5; Cristante 5,5, Pellegrini 6; Ünder 6,5, Zaniolo 5,5, Kluivert 5,5 (29' st Pastore 6); Dzeko 7. 
A disp.: Mirante, Fuzato, Schick, Santon, Veretout, Diawara, Antonucci. All.: Fonseca 6,5
Genoa (3-5-2): Radu 6,5; Romero 6, Zapata 5,5, Criscito 6; Ghiglione 6, Lerager 6, Schöne 6, Radovanovic 6, Barreca 5,5 (28' st El Yamiq 6); Pinamonti 7 (40' st Pandev sv), Kouamé 6,5 (46' ST Sanabria sv). 
A disp.: Jandrei, Marchetti, Romulo, Biraschi, Jagiello, Favilli, Rovella. All.: Andreazzoli 6
Arbitro: Calvarese
Marcatori: 6' Ünder (R), 16' Pinamonti (G), 30' Dzeko (R), 43' rig. Criscito (G), 4' st Kolarov, 25' st Kouamé
Ammoniti: Florenzi, Juan Jesus, Pellegrini (R); Romero (G)
Espulsi: -

 

LE STATISTICHE
•    L’ultima volta in cui la Roma aveva subito tre gol alla prima partita di Serie A era stata proprio contro il Genoa: sconfitta per 3-2 nel 2009.
•    Prima di oggi la Roma aveva vinto tutte le ultime 13 partite interne di campionato contro il Genoa.
•    Nel 2019 nessun difensore ha segnato più di Aleksandar Kolarov nei maggiori cinque campionati europei: cinque reti per il difensore della Roma.
•    Edin Dzeko ha segnato alla prima giornata in tre stagioni su cinque con la Roma.
•    Questa è stata la presenza da titolare numero 150 per Edin Dzeko con la maglia della Roma (tutte le competizioni).
•    Cengiz Ünder ha partecipato a tre reti nelle ultime tre partite casalinghe in campionato con la Roma (un gol e due assist).
•    Il Genoa ha segnato con la prima conclusione effettuata nella partita.
•    La Roma è l'unica squadra contro cui l'attaccante del Genoa Andrea Pinamonti ha segnato più di un gol in Serie A (due reti).
•    Gli ultimi due gol di Domenico Criscito in Serie A sono stati su calcio di rigore: nemmeno uno dei precedenti sei era arrivato dal dischetto.
•    L'attaccante del Genoa Christian Kouamé non segnava in Serie A da gennaio contro l'Empoli: 17 presenze senza reti da allora.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments