Parma, Proto vede Manenti: "Vuole 5 milioni, fine del discorso"

Incontro di tre ore a Milano tra il proprietario del Proto Group e il presidente per la cessione del club. Niente di fatto. "Rinunciamo alla trattativa"

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Manenti, foto IPP

Alessandro Proto insiste: vuole il Parma. Il proprietario della Proto Enterprises Ltd London ha incontrato oggi a Milano, nella sede della società in Piazza Castello, il presidente Giampietro Manenti per convincerlo a cedere il club gialloblù. Pronta una nuova offerta, dopo che Manenti aveva rifiutato 500 mila euro. Ma dopo 3 ore, ecco la sentenza: "Ci ritiriamo. Manenti vuole 5 milioni, cifra assurda".

Nei giorni scorsi la Proto Enterprises Ltd London aveva assicurato "piena, totale e trasparente collaborazione nel fornire ogni tipo di informazione per una trattativa seria" a Lega e Figc, prevedendo di "accollarsi integralmente il pagamento delle voci debitorie". Da parte sua Manenti aveva smentito qualsiasi ipotesi di cessione del club al gruppo Proto: "Non mollo, mi presenterò in tribunale". Ora un nuovo incontro: Proto riuscirà a convincerlo?. "Aspettiamo la scadenza del 19 - ha detto Donadoni alla vigilia della trasferta contro il Sassuolo - Se non paga è finita".

L'incontro a Milano è durato tre ore. In un primo tempo si era detto che non sono emerse novità, ma ciò non significa chiusura totale. Il nulla di fatto odierno prelude a un altro vertice, previsto domattina (martedì) sempre a Milano. Proto insiste, e Manenti potrebbe passare la mano, visto che la scadenza del 19 marzo incombe e le sue carte non sembrano granché.
Poco prima delle 18, invece, ecco Proto: "Manenti ha chiesto 5 milioni per la cessione delle società. Cifra assurda. Ci ritiriamo dalla trattativa".

TAGS:
Calcio
Parma
Manenti
Proto

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X