ESCLUSIVA SPORTMEDIASET

Mancini esclusivo: "Possiamo vincere l'Europeo, se il campionato riparte nulla è escluso"

Il ct azzurro a tuttocampo in un'intervista a Sportmediaset: "Spero si torni a giocare presto. E Moratti per Messi ci avrebbe provato"

  • A
  • A
  • A

"Spero si possa tornare a giocare al più presto perché il calcio è anche una cosa sociale molto importante, poi vedremo quello che accadrà. E spero che questa cosa terribile finisca presto. Ci vorrà un po’ più attenzione ma noi ci meritiamo di tornare a vivere come prima". Parole del ct azzurro Roberto Mancini in un'intervista esclusiva a Giorgia Rossi di Sportmediaset. Il rinvio dell'Europeo di un anno non lo preoccupa, forte della fiducia nel suo gruppo: "Siamo una delle Nazionali più giovani quindi un anno in più d’esperienza farà migliorare il bagaglio di ognuno, sia tecnico che atletico - ha proseguito - Sarà una tappa importante per me e per noi. Siamo riusciti a creare una squadra forte che potrà migliorare e che potrà giocare per vincere. Riportare l’Europeo in Italia dopo tanti anni, visto che l’ultimo è stato vinto nel 1968, sarebbe una cosa magnifica che vogliamo fare. Abbiamo le qualità per poterlo fare”.

Mancini parla poi dei singoli, da Zaniolo a Tonali per tornare su Balotelli: "Un anno in più sarà importante per Zaniolo - ha proseguito il ct azzurro nell'intervista esclusiva a Sportmediaset - Come ruolo, la prima volta che l’ho visto ha giocato come mezzala e credo che quella sia la sua posizione. Poi ha la possibilità di giocare anche come d’esterno destro o come sta giocando nella Roma a volte. Se un giocatore con qualità importanti può ricoprire più ruoli senza problemi, questo è un vantaggio per lui e per noi. Tonali ha grande personalità. Deve solo fare esperienza a certi livelli poi è già un giocatore pronto”. Poi l'ennesimo messaggio a SuperMario: “Se lui penserà solo al calcio e farà quello che deve fare le porte sono aperte, per lui come per tanti altri giocatori che magari non sono stati chiamati. Mario è come tutti gli altri, ha delle qualità importanti ma dipende solo da lui”. Per De Rossi c'è posto per un ruolo in azzurro? "Credo che lui farà il patentino in questi mesi. C’era stata la possibilità poi, giustamente, ha preferito fare un’esperienza diversa. Vedremo in futuro”.

Il ct azzurro fa poi le sue previsioni sul campionato in caso di ripartenza: "“Penso che possa accadere di tutto perché uno stravolgimento così non c’è mai stato. Difficile fare previsioni, la Juventus è in testa e resta la più forte ma tutto può succedere, potrebbero rientrare in corsa anche l’Inter e l’Atalanta. Quando ci si ferma per così tanto tempo può cambiare tutto, niente è escluso”.

Moratti ha fatto sognare i tifosi dell'Inter parlando di Messi: "Se fosse rimasto presidente dell’Inter conoscendolo penso che ci avrebbe provato, come ha fatto con Ronaldo, che era uno degli attaccanti più forti del mondo, e riuscì a portarlo all’Inter. Sui giornali si legge che Messi non è molto sereno poi magari invece è la persona più felice di restare al Barcellona”. E Ibra resterà al Milan? "Zlatan è stato uno dei più grandi attaccanti in assoluto. Lo metto sullo stesso piano di Messi e Cristiano Ronaldo, ovunque è andato ha vinto il campionato facendo sempre una valanga di gol. Anche quest’anno al Milan ha fatto bene ma non so cosa succederà in futuro”.

 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments