SPAL-NAPOLI 1-1

Serie A, Spal-Napoli 1-1: Milik non basta, Kurtic frena Ancelotti

Gli azzurri non difendono il vantaggio del polacco e non accorciano sulle prime in classifica

  • A
  • A
  • A

Il Napoli non approfitta del pareggio di Juventus e Inter e nella nona giornata di Serie A non va oltre l'1-1 in casa della Spal restando a -6 dalla vetta. Azzurri di Ancelotti subito in vantaggio con Milik (9') dopo la traversa di Petagna per i padroni di casa, ma raggiunti al 16' da un destro all'angolino di Kurtic. La reazione del Napoli arriva solo nel finale, ma il palo di Ruiz e le parate di Berisha su Milik gli negano i tre punti.

--
LA PARTITA

Un'occasione persa per il Napoli, un punto fondamentale in chiave salvezza per la Spal. La sfida del Mazza ha raccontato questo in un match che ha messo in mostra i limiti di questo inizio stagionale degli azzurri, ancora rivoluzionati dal turnover di Ancelotti nella formazione iniziale. L'iniziale vantaggio sembrava predire una giornata diversa per Milik e compagni che però hanno subito il ritorno della Spal senza trovare lo spunto giusto nella ripresa per prendersi l'intera posta in palio.

Un primo tempo complicato per il Napoli nonostante il vantaggio pressoché immediato. L'aggressività della Spal a centrocampo ha messo in difficoltà le linee di gioco degli azzurri, schierati in campo con Zielinski al fianco di Allan ed Elmas con Insigne sugli esterni. Dopo la traversa su calcio di punizione colpita da Petagna al 3', il Napoli ha trovato il vantaggio sfruttando una progressione di Allan bravo a eludere la pressione avversaria e servire a Milik un pallone al limite dell'area che l'attaccante polacco ha infilato alle spalle di Berisha, non propriamente impeccabile. A vantaggio acquisito il Napoli ha abbassato il ritmo della giocata e del palleggio, diminuendo però anche l'attenzione e venendo punito alla prima occasione buona dalla Spal. Su un rinvio di Luperto, Strefezza è stato bravo ad anticipare Insigne sulla destra, puntando il fondo e servendo un pallone arretrato appena dentro l'area spedito in rete da Kurtic con un ottimo inserimento per l'uno a uno. Fino all'intervallo non è cambiato il ritmo della sfida e l'unica emozione è stata il rigore prima assegnato e poi tolto al Napoli col Var.

La ripresa, invece, è iniziata a ritmi più blandi per scelta di entrambe le squadre spostandosi dal piano fisico a quello tattico pur senza disdegnare fiammata improvvise da una parte e dall'altra. Come al 51' quando Ospina con un autentico miracolo nega la doppietta a Kurtic sugli sviluppi di un corner di Murgia. L'ingresso di Ruiz sulla destra per uno spento Elmas per sfruttare il suo calcio di sinistro e lo spagnolo sfiora il gol dopo pochi minuti. Proprio dopo l'ora di gioco il Napoli ha rialzato il ritmo trovando un paio di occasioni che Milik spreca e inserendo Callejon al posto dell'infortunato Malcuit con Llorente per Mertens, Cambi che restituiscono le solite geometrie agli azzurri, come al 74' quando un'azione di Insigne con velo di Milik al limite dell'area porta al palo colpito da Fabian Ruiz. Nel finale gli attacchi degli uomini di Ancelotti si trasformano in assedio ma con Milik rispedito al mittente da Berisha in due occasioni e Llorente poco concreto al 96' a porta spalancata.

--

LE PAGELLE

Milik 6,5 - Sblocca subito il match confermando il feeling ritrovato con il gol, ma l'affiatamento con Mertens non è quello dei giorni migliori. Prova a far giocare la squadra e nel finale si fa bloccare due volte da Berisha.

Kurtic 6,5 - Colpo da biliardo per il gol del pareggio. E' sempre l'uomo in più con i suoi inserimenti che, specialmente nel primo tempo, mettono in difficoltà la fase difensiva azzurra.

Insigne 5,5 - Non trova i varchi giusti per incidere ed è sempre lontano dalla porta. Si accende nel finale, ma quando è troppo tardi e senza mai andare al tiro.

Allan 6,5 - Anche nel primo tempo è l'uomo più al centro del gioco. Trova la giocata con l'assist per Milik, poi finisce la sfida da terzino al posto di Malcuit.

Berisha 6,5 - Sul gol si fa trovare impreparato con una posizione non proprio azzeccata, poi nel finale diventa protagonista chiudendo la porta a Milik in almeno due occasioni ghiotte.

--

IL TABELLINO

SPAL-NAPOLI 1-1
Spal (3-5-2)
: Berisha 6,5; Tomovic 5,5, Vicari 6,5, Igor 6 (9' st Cionek 6); Strefezza 6,5, Missiroli 5,5, Murgia 6, Kurtic 6,5 (32' st Valoti sv), Reca 5,5; Petagna 6, Paloschi 5 (16' st Floccari 5,5). A disp.: Letica, Thiam, Salamon, Felipe, Sala, Valdifiori, Moncini,  Mastrilli. All.: Semplici 6.
Napoli (4-4-2): Ospina 6,5; Malcuit 5,5 (24' st Callejon 6,5), Koulibaly 6, Luperto 5,5, Di Lorenzo 6; Elmas 5 (9' st Ruiz 6,5), Allan 6,5, Zielinski 5, Insigne 5,5; Mertens 5,5 (27' st Llorente 5,5), Milik 6,5. A disp.: Meret, Karnezis, Tonelli, Maksimovic, Ghoulam, Gaetano, Younes, Lozano. All.: Ancelotti 5,5.
Arbitro: La Penna
Marcatori: 9' Milik (N), 16' Kurtic (S)
Ammoniti: Strefezza, Tomovic, Cionek, Berisha (S); Luperto (N)
Espulsi: nessuno

LE STATISTICHE
•    SPAL e Napoli non pareggiavano nella massima serie dal 1960, anche il quel caso in Emilia-Romagna – da allora 11 vittorie dei partenopei e tre dei ferraresi.
•    Il Napoli ha guadagnato 17 punti dopo le prime nove giornate di questo campionato: l’ultima volta che i partenopei hanno fatto peggio risale al 2014/15 (15 punti), quando chiusero la stagione al quinto posto.
•    La SPAL non pareggiava un match in Serie A dallo scorso aprile (vs Genoa), l’unica delle precedenti 21 sfide chiuse in parità dai ferraresi prima di quella odierna.
•    Il Napoli ha collezionato due pareggi esterni di fila per la prima volta dallo scorso febbraio in Serie A.
•    Il Napoli ha realizzato solo quattro tiri nello specchio, solo contro il Torino (tre) i campani hanno fatto peggio in questo campionato – anche in quel caso è arrivato un pareggio esterno.
•    Negli ultimi due campionati di Serie A (incluso quello corrente) nessun giocatore ha realizzato più gol da fuori area di Arkadiusz Milik (sette, alla pari di Mertens).
•    Allan ha preso parte a tre gol (due reti, un assist) nelle sue quattro sfide contro la SPAL in Serie A; solo contro la Lazio (quattro partecipazioni) ha fatto meglio.
•    Milik è andato a segno in due presenze di fila in Serie A per la prima volta dallo scorso marzo, unica altra occasione in cui il polacco ci è riuscito nel 2019.
•    Sei degli ultimi sette gol di Jasmin Kurtic in Serie A sono arrivati al Paolo Mazza, dopo che solo cinque dei suoi primi 16 erano stati messi a segno in casa nella massima serie.
•    Gabriel Strefezza ha fornito almeno un assist nelle ultime due presenze in Serie A, entrambe al Paolo Mazza.
•    Lorenzo Insigne ha raggiunto Luciano Comaschi al settimo posto nella classifica all-time presenze con il Napoli in Serie A (241 partite).

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments