Napoli: l'Europa un fastidio, all-in scudetto. I tifosi con Sarri: il San Paolo sarà pieno con la Spal

Il ko contro il Lipsia quasi annunciato. Ma nessun dramma: domenica stadio quasi eaurito, i napoletani hanno scelto

  • A
  • A
  • A

Ha preso tutte le sue fiches e le ha messe su un unico tavolo. Troppo importante la posta in gioco per sprecare energie, troppo limitate le forze per disperderle su più fronti: il messaggio di Maurizio Sarri era stato molto chiaro alla vigilia della sfida di Europa League contro il Lipsia (le parole post-partita, per quanto forti e dure, una posizione invece più di maniera che altro) e l'atteggiamento della squadra, sul campo, è stato conseguente.

Un triplice messaggio, a dire il vero, quello del tecnico alla vigilia della Coppa. Il primo rivolto sicuramente al presidente: con questa rosa l'Europa è solo un problema. Il secondo al suo gruppo: inutile sfiancarci, fisicamente e mentalmente. Il terzo all'ambiente: non siamo pronti per lottare su più fronti, concentriamoci e concentratevi, pure voi, sull'obiettivo primario.

Ora non sappiamo come l'abbia recepito De Laurentiis, ma abbiamo visto come lo ha ben interiorizzato la squadra. Deduciamo invece cosa pensa il tifo azzurro da quanto osservato ieri sera sugli spalti del San Paolo e da quanto ci suggerisce la prevendita per la sfida di domenica contro la Spal: il pienone previsto contro i ferraresi contrapposto alla desolazione con il Lipsia spiega meglio di ogni altra cosa che la scelta è stata chiaramente fatta e che per il popolo azzurro tutto ciò che può in qualche modo complicare la corsa scudetto (sia anche una coppa europea) va tolto di mezzo. Spazzato via.

Giusto o sbagliato lo capiremo solo tra un po'. Di certo però rischioso. Escludiamo pure il danno di immagine che comunque c'è e col quale presto o tardi bisognerà fare i conti (fuori dalla Champions prima e quasi fuori dalla Europa League adesso), una scelta del genere obbliga a vincere lo scudetto. Obbliga a battere la Juve. Punto e basta.

Non farlo (tenuto conto anche dell'esclusione dalla Coppa Italia) marcherebbe indelebilmente come fallimentare l'intera stagione. E sul piano dei risultati, anche l'intero triennio sarriano. Ma in fondo, come recita il proverbio, chi non risica non rosica. Per cui, all-in sia!

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments