MILAN

Milan, Paquetà è un caso: ha chiesto a Pioli di non essere convocato

Mercato, panchina e saudade: domenica il brasiliano è stato portato in ospedale dopo aver accusato una leggera tachicardia

  • A
  • A
  • A

In casa Milan scoppia il caso Paquetà. Da un punto di vista tecnico il giocatore è ai margini del progetto e sul suo futuro in rossonero al momento c'è molta incertezza. Dubbi che stanno pesando sia dal punto di vista psico-fisico sul calciatore, sia sulle mosse di mercato del club. Dopo una leggera tachicardia in panchina, domenica il giocatore è stato portato in ospedale per dei controlli in seguito a un presunto attacco d'ansia. Verifiche che non hanno evidenziato alcun problema e hanno consentito al brasiliano di allenarsi regolarmente. Dopo la sessione di giovedì Paquetà però ha alzato bandiera bianca, chiedendo a Pioli di non essere convocato per Brescia

 paquetà

Vedi anche Milan, capitolo cessioni: l'agente di Paquetà in sede Milan Milan, capitolo cessioni: l'agente di Paquetà in sede

Una richiesta arrivata al tecnico rossonero come un fulmine a ciel sereno. Da una parte legata sicuramente a motivi di mercato, col Psg sempre in pole. Dall'altra giustificata invece da problemi personali e da una situazione ambientale complicata. Messo un po' in disparte, Paquetà ha perso entusiasmo, mostrando una certa insofferenza per la panchina. Ma non solo. Secondo quanto trapela da ambienti rossoneri, al giocatore mancherebbe il Brasile e la famiglia. "Saudade" che in questi ultimi giorni di mercato potrebbe portare proprio il centrocampista lontano da Milano. Soprattutto dopo la richiesta di non essere convocato per la gara contro il Brescia. 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments