Milan, Maldini: "Rigore? Regole da interpretare, ma ne usciamo più forti"

Il dirigente rossonero: "Non mi soffermo sulle decisioni dell'arbitro: complimenti ai ragazzi"

  • A
  • A
  • A

Solo complimenti al Milan e nessuna voglia di polemizzare con le decisioni dell'arbitro Valeri, né per il rigore concesso alla Juve né per le ammonizioni che non permetteranno a Ibrahimovic, Theo Hernandez e Castillejo di giocare il ritorno a Torino. Paolo Maldini, al termine del match di Coppa Italia, ha voglia invece di fare i complimenti ai giocatori rossoneri: "Non sono qui per soffermarmi sulle scelte arbitrali - ha dichiarato il dirigente milanista - ci sono regole da interpretare, è vero, ma oggi mi preme sottolineare la prestazione del Milan. Da questa partita ne usciamo più forti, più convinti, più consapevoli. Il derby poteva ammazzarci e invece proprio da lì abbiamo tracciato una nuova via".

"Dobbiamo migliorare ancora - ha proseguito Maldini - non siamo ancora al nostro massimo livello. Dobbiamo essere più cinici. C'è rammarico di non aver vinto la partita ma il calcio è questo, contro una squadra di grande qualità come la Juventus può succedere. E' vero che a Torino  avremo fuori Ibra, avremo fuori Theo Hernandez ma undici giocatori li schiereremo e non dobbiamo porci tanti limiti".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments