Milan, la Haka a San Siro: sdegno in Nuova Zelanda

Giornali e social contro i rossoneri: "Il club si è suicidato, è uno degli spot più orribili nella storia dello sport"

  • A
  • A
  • A

Una valanga di proteste e polemiche si sono scatenate in Nuova Zelanda, ma non solo, dopo la danza simile alla Haka, denominata "Tekitanka", inscenata ieri a S. Siro, prima di Milan-Carpi, da un gruppo di attori vestiti con le divise da gioco dei rossoneri. "L'AC Milan, uno dei più grandi club calcistici d'Europa, ha appena commesso il proprio suicidio sui social e internet sta esplodendo", scrive il quotidiano New Zealand Herald.

Questa iniziativa, fatta a beneficio di uno sponsor, ha provocato un'ondata di reazioni da parte di appassionati e tifosi, che giudicano sacrilega una tale iniziativa, definita dal giornale neozelandese "uno degli spot più orribili e disgustosi nella storia dello sport". Rilancia l'Herald: "Avremmo voluto che una cosa del genere non fosse vera. Questa è una di quelle volte in cui ti metti la testa fra le mani e ti chiedi 'A che punto sta arrivando il mondo?'". La Haka, danza tipica del popolo Maori, è stata resa celebre, nello stile della 'Ka Mate', proprio dagli All Blacks vincitori delle ultime due edizioni dei Mondiali di rugby.