QUI MILAN

Milan, gioia Bonera: "Siamo una grande squadra, non dobbiamo mollare"

"I rigori? Quando tornerà Ibra vedremo se li tirerà ancora Kessie"

  • A
  • A
  • A

Dopo la vittoria con la Fiorentina, Bonera è soddisfatto della prova del Milan. "Un altro piccolo tassello da mettere al grande puzzle iniziato a inizio anno - ha spiegato il  tecnico rossonero -. Sapevamo avremmo trovato difficoltà ma abbiamo reagito da grande squadra quale siamo. E' un gruppo vero, sano, con dei valori". "Scudetto? Manca ancora tanto, ma siamo consapevoli che facendo così possiamo stare in alto - ha aggiunto -. Non dobbiamo mollare e tenere lo stesso atteggiamento". 

"Finita la partita abbiamo fatto una videochiamata al mister - ha continuato Bonera -. Ma Pioli è sempre con noi negli allenamenti a Milanello. Questa squadra ha un grande allenatore e siamo tutti ansiosi di rivederlo. Per me ci sarà tempo". Poi qualche dettaglio sugli episodi che hanno deciso il match e sulle prestazioni dei singoli. "Romagnoli polemico? Mi sono sinceramente perso l’esultanza ma ho goduto per il gol, siamo contenti del risultato, della prestazione e dello spirito - ha spiegato il tecnico rossonero -. Kessie? Sappiamo quanto è importante Frank, è diventato un giocatore di grande peso e qualità, è migliorato nella gestione della palla, una crescita continua di cui siamo molto contenti". 

"Calha? Ci sono momenti della stagione così, stasera ha preso il palo, ma l’apporto che dà al gioco va al di là dei gol, è sempre positivo e siamo molto soddisfatti - ha aggiunto Bonera -. Difesa? Calabria è cresciuto molto anche a livello di personalità, come la squadra. Simon ha aiutato molto la squadra, è un vero leader e un uomo vero". Poi sulla prova di Donnarumma: "I campioni sono così. Quando serve, Gigio c’è sempre". 

Infine sugli errori dal dischetto. "Hanno deciso Ibra e Kessie chi è il rigorista. Ma ora vediamo quando rientra Zlatan cosa succederà. Gli errori fanno parte di questo lavoro...". 

KESSIE: "IL PROSSIMO RIGORE LO TIRO ANCORA IO"
“Sul primo rigore ho fatto gol, il secondo l'ho sbagliato, ma il terzo lo calcio ancora io”. Così Frank Kessie, un penalty segnato e uno sbagliato nel successo contro la Fiorentina, ha spiegato le gerarchie dal dischetto ai microfoni di DAZN dopo il match: “Potete dirlo a Ibra”, ha aggiunto in centrocampista rossonero ridendo.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments