VOLTO NUOVO

Milan, che bella scoperta Diogo Dalot: "Un piacere, San Siro" 

Il portoghese è preziosissimo per dare respiro a Theo e Calabria e ha bagnato il debutto a San Siro con gol e assist

  • A
  • A
  • A

In campionato come in Europa il Milan continua a correre e il segreto potrebbe averlo svelato Stefano Pioli dopo la brillante vitoria di San Siro sullo Sparta Praga: "Ho la fortuna di allenare tanti titolari". Una frase che può sembrare di circostanza, ma che mai come nel caso dei rossoneri corrisponde alla realtà e l'esempio più lampante è rappresentato da Diogo Dalot. Il terzino di proprietà dello United, schierato al posto di Theo Hernandez dopo il debutto sull'altra fascia di una settimana fa, ha bagnato il suo esordio al Meazza con una grande prestazione condita da un gol e un assist che gli sono valsi anche la nomination nella top 11 Uefa del secondo turno di Europa League. 


Schierato sulla fascia sinistra da mister Pioli, il portoghese, classe 1999, ha prima regalato a Leao un delizioso assist vincente con la trivela e poi, qualche minuto più tardi, ha trovato anche il suo primo gol con la maglia del Milan sfruttando al meglio un assist perfetto di Bennacer che lo aveva messo a tu per tu con il portiere avversario.

Con quel gol, soltanto il quarto della sua carriera, Dalot è diventato l'undicesimo marcatore stagionale del Diavolo in appena dieci partite e soprattutto si è guadagnato il posto nella top 11 del secondo turno di Europa League stilata dalla Uefa. Ecco la formazione (4-3-3): Busatto (CSKA Sofia); Dalot (Milan), Gelin (Anversa), Gregersen (Molde), Barisic (Rangers); Pizzi (Benfica), Liendl (Wolfsberger), Willock (Arsenal); Ben Nabouhane (Stella Rossa), Manu (Ludogorets), Elyounoussi (Celtic).


Vedi anche Milan, le tante armi di Pioli: ora può contare anche sul turnover Milan Milan, le tante armi di Pioli: ora può contare anche sul turnover

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments