L'ANALISI

Ibra è tornato: ora questo Milan è una macchina perfetta

Riecco lo svedese: niente è cambiato ma tutto è cambiato. Quella rossonera è una squadra solida che gioca a memoria

  • A
  • A
  • A

Il primo scontro diretto con un'altra big dominato in lungo e in largo. Supremazia in ogni reparto, gioco di squadra ormai consolidato: cambiano gli interpreti ma il risultato è sempre quello e la percezione resta immutata: questo Milan può e deve sognare in grande. Lo dice la gara di San Siro, da cui esce una squadra, quella di Pioli, che cresce in condizione e in autostima e una Lazio soffocata dal pressing rossonero e imbrigliata nei suoi uomini chiave. Tre punti che valgono il punteggio pieno in classifica dopo tre giornate: 118 punti in 53 partite da giugno 2020, con una media punti di 2,22 a gara, sono una conferma 'statistica' della bontà del lavoro di Pioli e del suo staff. Un Ibrahimovic ritrovato in tutta la sua forza straripante, un Leao diventato concreto e spietato, un Tonali che - libero di testa - riesce finalmente a esprimere appieno tutto il suo valore. Vecchie e nuove certezze.

Un Milan tosto, solido, che impone subito suo ritmo alla partita e lascia l'avversario senza ossigeno. Fuori Kjaer, Saelemaekers, Bennacer e con Giroud reduce dalla positività al Covid, dentro capitan Romagnoli, il nuovo arrivato Florenzi e Rebic, che regala due assist: Pioli cambia uomini per scelta o necessità, non la sostanza di una squadra che gioca 'da squadra'.

Vedi anche Serie A, Milan-Lazio 2-0: Leao-Ibrahimovic, rossoneri a punteggio pieno Serie A Serie A, Milan-Lazio 2-0: Leao-Ibrahimovic, rossoneri a punteggio pieno
E poi c'è... Ibra. Quarant'anni il 3 ottobre, un nuovo look per il ritorno in campo a tre mesi dall'operazione al ginocchio e tanta voglia di riprendersi il 'suo' Milan, di far sentire la voce del leader anche in partita e non solo incitando i compagni da fuori come il primo dei tifosi. Niente è cambiato, lo svedese è indistruttibile. Rieccolo 175 giorni dopo il suo ultimo gol (21 marzo contro la Fiorentina). Tutto è cambiato. Perché oggi più che mai il Milan non è più solo Ibra. Tre punti e una grande prestazione contro la Lazio che per i rossoneri sono una spinta importantissima in vista del debutto di mercoledì sera in Champions League ad Anfield contro il Liverpool. Un appuntamento tanto atteso che merita il vestito più bello.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments