NUOVA ERA

Fonseca studia il dossier Milan: le due missioni aspettando il mercato

Il portoghese dovrà far ricredere un ambiente molto scettico: fondamentale coinvolgere da subito i big nel nuovo progetto

di
  • A
  • A
  • A
Fonseca studia il dossier Milan: le due missioni aspettando il mercato - foto 1
© Getty Images

Ancora un impegno, questa volta in terra australiana contro la Roma, e poi in casa Milan si cliccherà sul tasto stop per quanto riguarda il campo. Se ne riparlerà nei primi giorni di luglio, quando prenderà il via il ritiro sotto la guida del nuovo condottiero, Paulo Fonseca. Il portoghese, che deve ancora separarsi ufficialmente dal Lille, dovrebbe essere annunciato la prossima settimana: la dirigenza, nella persona di Geoffrey Moncada, ha puntato forte su di lui, consapevole che bisognerà mettere mano concretamente sul mercato. Nessuna rivoluzione, ma solo innesti mirati per alzare il livello della qualità. La priorità assoluta resta l'attacco, dove Zirkzee continua a essere l'obiettivo primario. Arriverà anche un centrale difensivo (Buongiorno?), un terzino destro (calda la pista che porta a Emerson Royal) e un centrocampista di contenimento.  

Vedi anche Milan, senti Mbappé: "Io in Italia? Se ci andrò sarà per i rossoneri" Milan Milan, senti Mbappé: "Io in Italia? Se ci andrò sarà per i rossoneri"

Fonseca, che ha chiuso l'ultima stagione portando il Lille al quarto posto in Ligue 1, sta già studiando il dossier Milan. Guardando i numeri, è evidente come l'ex Roma dovrà ridare un equilibrio alla squadra. I rossoneri hanno concluso il campionato con 49 gol incassati: non si faceva così male dalla stagione 2014-2015, quando in panchina c'era Filippo Inzaghi. Ai tempi i tifosi rossoneri videro per ben 50 volte Diego Lopez tuffarsi senza poter far nulla. Fonseca quindi dovrà collocare al primo posto la fase difensiva: l'obiettivo mettere in mostra un Milan compatto e soprattutto corto.

Parallelamente al campo, Fonseca avrà la missione di coinvolgere nel suo nuovo progetto i big della squadra, i veri trascinatori. Il 51enne, sul quale c'è un forte scetticismo da parte dell'ambiente e non solo, dovrà mostrarsi credibile sin dall'inizio. E soprattutto dovrà convincere Leao e company a voltare immediatamente pagina. L'era Pioli è alle spalle, servono idee e concetti nuovi. Per ripartire e stupire.      

Vedi anche Milan, Zirkzee davanti a tutti: il nodo Premier e il doppio centravanti Milan Milan, Zirkzee davanti a tutti: il nodo Premier e il doppio centravanti

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti