Zenga a 4-4-2: "Spalletti è bravo, ma si è trovato nella situazione più facile"

L'ex portiere: "Per il Milan il modulo più adeguato è il 4-3-3"

  • A
  • A
  • A

Il giorno dopo il derby, Walter Zenga è intervenuto nel corso di '4-4-2'. Sul derby: "L'Inter ha avuto un portiere che ha parato nei momenti decisivi e un attaccante che ha fatto 3 gol tirando in porta 4 volte. Il Milan ha cambiato, non si sa bene perché, praticamente tutta la squadra e mettere insieme tutti i nuovi non è facile. Con questi giocatori meglio il 4-3-3". Su Spalletti: "E' un grande, ma si è ritrovato nella situazione più facile perché l'anno scorso l'Inter è arrivata 7a, quindi anche se dovesse arrivare 6° avrebbe fatto meglio".

Zenga ha parlato del derby di domenica sera. “I meriti di Spalletti e le colpe di Montella? Il Milan ha cambiato, non si sa bene perché, praticamente tutta la squadra e mettere insieme tutti i nuovi non è facile, ci vuole del tempo e in più gioca l'Europa League. L'Inter gioca una sola gara in settimana, detto questo l'Inter nel derby ha avuto un portiere che ha parato nei momenti decisivi e un attaccante che ha fatto tre gol tirando in porta quattro volte. E quando il portiere e l'attaccante giocano così diventa difficile batterla".

La rosa dell'Inter sembra troppo corta, soprattutto nei centrali di difesa. "Considerando che non ci sono competizioni europee direi di no. Con una sola gara a settimana è inutile avere una rosa da 28 giocatori. Penso che senza le coppe nessun allenatore chieda una rosa ampia".

Da osservatore esterno, l'ex numero 1 dice la sua sul Milan. "L'allenatore incide sempre, infatti i cambi di Montella hanno cambiato la faccia del Milan anche se ha indebolito la fase di costruzione di gioco. Ha tolto una copertura a Biglia perché doveva rimontare. Io pensavo che con i giocatori che aveva il 4-3-3 fosse il modulo più adeguato, ma è solo una mia riflessione, non voglio giudicare il lavoro di un mister che allena in Serie A. L'impressione è però che i tre difensori stiano faticando".

Montella ha detto che ha visto dei miglioramenti. "Non lo so, non ho seguito molto il Milan a parte nel derby e contro la Sampdoria. A Genova ha giocato davvero male ma l'allenatore vede la squadra sempre, noi non conosciamo le problematiche di tutti i giorni. Posso solo immaginare che sia difficile assemblare tutti questi giocatori nuovi".

Dopo anni di cocenti delusioni, Spalletti sembra essere l'allenatore giusto per l'Inter. "Paradossalmente si è trovato nella situazione più facile perché l'anno scorso l'Inter è arrivata settima dopo un'annata senza acuti, quindi anche se dovesse arrivare sesto avrebbe fatto meglio. Non ha le coppe, ha potuto impostare la preparazione come ha voluto e allena una rosa ristretta: Spalletti è un grande allenatore e in più ha tutti questi vantaggi.

Handanovic è il miglior portiere della Serie A? "E' il miglior portiere che possa avere l'Inter, ieri ha fatto due parate difficilissime in due momenti chiave del match".

Sull'ipotesi che lo possa chiamare il Milan scherza. "Quando mi hanno mandato via dalla Sampdoria avevo perso 4 partite su 12…”.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments