L'ANALISI

L'Inter prende il largo: ciao Milan ma ora si rinnova il duello con la Juve

I nerazzurri continuano la corsa verso lo scudetto spinti da un super Lautaro. I bianconeri, che hanno una gara da recuperare, si fanno sotto

  • A
  • A
  • A

Uno stacco incredibile per un gol bellissimo e più importante che mai in un pomeriggio complicato sul campo del Toro. Ci pensa il 'Toro' Lautaro Martinez a regalare all'Inter altri tre punti sulla strada che porta allo scudetto: ottava vittoria consecutiva - la seconda volta in campionato dopo la striscia di gennaio - e un + 9 sul Milan sconfitto in casa dal Napoli e a cui i nerazzurri hanno rosicchiato 11 punti in 6 partite. Vantaggio consistente sui rossoneri ma ora c'è da fare i conti con la Juve. I bianconeri sono a -10 ma hanno da recuperare la gara contro il Napoli e, a differenza della squadra di Pioli, possono concentrarsi sul campionato dopo l'amara uscita dalla Champions League con il Porto. Lo scontro scudetto tra Inter e Juve torna prepotentemente alla ribalta.

Gli ingressi in campo di Eriksen (per Gagliardini) prima e Alexis Sanchez (per Brozovic) nel finale sono la chiave del successo dei nerazzurri di Conte, squalificato, in casa del Torino. Le verticalizzazioni del danese, tenuto in panchina dopo il problema fisico accusato in settimana, rendono il gioco d'attacco dell'Inter più dinamico e meno prevedibile per la difesa granata. L'Inter non può più farne a meno. Dal piede del cileno parte il cross perfetto per il testone di Lautaro, che con la rete realizzata ieri ha eguagliato in 27 gare di questo campionato il bottino di gol della scorsa Serie A: 14 reti in 35 presenze.


Dal canto suo Lukaku, pur in una partita difficile per lui, braccato dai difensori avversari, piazza il gol numero 19 in campionato, che con quelli dell'argentino fanno 33 centri: solo il Bayern Monaco ha una coppia più prolifica. "500 panchine... Bello festeggiare con questa vittoria. Grazie ragazzi", ha scritto Conte su Instagram dopo 90' sofferti lontano dalla panchina. Vietato parlare già di scudetto, sotto con la prossima avversaria, sabato prossimo a San Siro contro il Sassuolo.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments