Inter, Marotta: "Più avanti della Juve 2010 ma il gap è ancora forte"

Il nuovo ad: "Occorreranno mesi o forse 2 anni per raggiungere i bianconeri ma niente alibi. Spalletti da supportare"

Inter, Marotta: "Più avanti della Juve 2010 ma il gap è ancora forte"

Prima partita ufficiale da amministratore delegato per Beppe Marotta, così prima di Inter-Udinese: "Partiamo da una situazione diversa rispetto a quando arrivai alla Juventus nel 2010, siamo più avanti. Il gap con i bianconeri è ancora forte, ci vorranno mesi oppure un anno o due per colmarlo ma niente alibi". Confermatissimo Spalletti: "La società deve metterlo nelle condizioni per farlo lavorare al meglio".

Superata l'eliminazione dalla Champions League: "Società e tifosi ci tenevano ma non è andata così, sono dinamiche che capitano all'interno di una stagione. Ora guardiamo avanti con serenità e ottimismo e grande appartenenza alla maglia, ci sono ancora obiettivi da raggiungere". Sul rinnovo di Icardi: "Mauro è il nostro capitano e goleador, affronteremo a tempo debito la questione compatibilmente anche con la controparte".

Marotta parla di sfuggita di Torino-Juventus: "Guarderò la partita perché fa parte del mio ruolo, poi certo che non posso dimenticare il ciclo che ho vissuto in bianconero". Su Spalletti: "Ama la dialettica, va supportato per farlo rendere al meglio e lui deve valorizzare al meglio la rosa".

TAGS:
Inter
Marotta
Spalletti
Icardi
Champions league
Icardi

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X