Inter: "Dal CorSport lettera offensiva verso Conte: niente conferenza"

La società: "Un segnale a tutti i media che devono garantire il rispetto delle persone". Ma l'OdG non ci sta: "Inaccettabile"

  • A
  • A
  • A

L'Inter ha deciso di annullare la conferenza di Antonio Conte alla vigilia della sfida del Franchi contro la Fiorentina. Una presa di posizione resa nota con questo comunicato: "Ieri, dal Corriere dello Sport, è stata pubblicata una lettera offensiva nei confronti del nostro allenatore, giustificando l’aggressione nel commento. Per dare un segnale a tutti i media "che devono garantire il rispetto delle persone" oggi non si terrà la conferenza stampa". Una decisione cui l'Ordine dei Giornalisti e l'Unione Stampa Sportiva ha risposto con una nota congiunta: "Comportamento inaccettabile, Conte si scusi".

Facciamo dunque un passo indietro, per dovere di cronaca, per contestualizzare il tutto. Ieri (13 dicembre), il Corriere dello Sport ha pubblicato una mail di un "tifoso" che trattava dell'eliminazione dell'Inter dalla Champions dopo il ko con il Barcellona. Una lettera, poi commentata dal giornale stesso, che la società Inter ha ritenuto offensiva nei modi e nei toni verso Antonio Conte (protagonista delle considerazioni del tifoso in questione) optando così per questa ferma presa di posizione che arriva, oltretutto, una settimana dopo le polemiche, sempre riguardanti il Corriere dello Sport, dovute al titolo "Black Friday" a corredo della foto di Lukaku e Smalling utilizzata come presentazione in prima pagina della sfida tra Inter e Roma dello scorso 6 dicembre.

LA LETTERA DEL TIFOSO PUBBLICATA DAL CORRIERE DELLO SPORT
“Salve signor Italo (Italo Cucci, ndr), godo (si può dire) nel vedere la grande Inter surclassata dal Barcellona B che ha fatto vedere come si gioca a pallone a quell’esaurito del suo allenatore. Poi sentire i due telecronisti che continuavano a rimarcare le assenze di Sensi e Barella! Va bene che per salvare la pagnotta (stipendio) si può dire di tutto, però un po’ di onestà non guasterebbe. Giocavano contro il Barcellona B! Dimenticavo, non sono tifoso né della Juve né di altre squadre di prima faccia, ma tifoso del Bologna, però contesto questa beatificazione di Conte che nella sua carriera, nonostante le vittorie, non ha mai fatto vedere un bel gioco...

Una mail a cui il destinatario, Italo Cucci, ha così replicato:
“Alla sua cattiveria aggiungo la mia che son disposto a far diventare tormentone: quando confesseranno, dirigenti (anche amici…) e tifosi dell’Inter che senza Icardi hanno buttato via la Champions…e forse anche il resto? Slogan: NO ICARDI, NO PARTY“.

L'ORDINE DEI GIORNALISTI: "COMPORTAMENTO INACCETTABILE, CONTE CHIEDA SCUSA"

"Il rispetto che il mondo del calcio proclama anche sulle maglie è una cosa seria. Se fosse un gioco, qui il flipper sarebbe andato in tilt. Intervenga subito la Procura federale, per dire che l'atteggiamento del signor Conte allenatore dell'Inter è inaccettabile, maschera l'indignazione e resta senza conseguenze". Cosi' l'Ordine dei giornalisti e l'Unione stampa sportiva, con una nota dei rispettivi presidenti, Carlo Verna e Luigi Ferrajolo, prendono una dura posizione sulla scelta dell'allenatore nerazzurro di annullare la conferenza stampa alla vigilia della partita con la Fiorentina per protesta contro il Corriere dello Sport. "Occorrono - aggiungono in risposta Ordine e Ussi - provvedimenti come avemmo modo di esporre parlando nei giorni scorsi a un seminario dell'Ussi, alla presenza del presidente Gravina. L'articolo 21 della costituzione viene prima di ogni legge e di tutte le carte federali. Non accettare le critiche del singolo sarebbe di per sé deprecabile, peraltro si parla di uno stimatissimo professionista dell'informazione, maestro di tanti. Arrivare all"arroganza di voler punire la stampa nel suo complesso,come discriminazione di categoria, annullando senza preavviso coi colleghi sul posto la conferenza prevista è un offesa anche ai cittadini, destinatari dell'informazione in democrazia, che non può restare impunita. Da un lato - conclude la nota - ci aspettiamo delle scuse formali di Antonio Conte entro il post partita, dall'altro chiediamo anche cosa ne pensi del comportamento del suo milionario dipendente una gloriosa società come l'Inter".

A FIRENZE PER TENERE LA VETTA DELLA CLASSIFICA: QUESTIONE DI TESTA
Detto questo, domani sera al Franchi per l'Inter c'è un solo imperativo: allontanare le ombre calate martedì sera dopo il ko con il Barcellona. Una questione... di testa, insomma: reagire, prima di tutto a livello mentale, per mantenere la vetta della classifica.  Il lavoro di Antonio Conte, in questi giorni di transizione tra l'Europa e il campionato, è stato incentrato soprattutto su questo aspetto e contro la Fiorentina il tecnico nerazzurro si attende risposte positive soprattutto a livello mentale.

Conferme che dovranno arrivare dai soliti noti, si intende: perché anche al Franchi, per forza di cose, sarà una serata, numericamente parlando, di emergenza. Il solo Candreva, infatti, può rientrare tra gli abili e arruolabili. Per gli altri infortunati, compreso Asamoah, nulla da fare (Sensi e Sanchez hanno dato segnali confortanti negli ultimi giorni, ma la data del loro rientro non è stata comunque anticipata). Qualche rotazione, specie in difesa, è invece all'ordine del giorno (dovrebbe riposare Godin), scelte forzate però a centrocampo e in attacco. Con oltretutto il "pericolo giallo" che incombe su Skriniar, Brozovic, D'Ambrosio e Lautaro (oltre a Barella, comunque ai box). Ma non è questo il momento di fare calcoli: l'Inter non può permetterselo.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments