ALLARME COVID

La Francia vieta le trasferte europee ai club di rugby: Psg e Lille in ansia

Sospese le coppe internazionali della palla ovale, la Uefa teme per Champions ed Europa League

  • A
  • A
  • A

L'incubo coronavirus è tornato ad aleggiare pericolosamente sopra il mondo dello sport. E anche il calcio trema. Con la Premier League alle prese con un riemergere prepotente dei casi di Covid-19 tra i club inglesi, Champions ed Europa League potrebbero veder rivoluzionato il loro calendario. La Uefa, infatti, sta osservando con attenzione quello che sta accadendo nel rugby.

Il governo francese, infatti, ha deciso di vietare le trasferte europee alle squadre transalpine a causa del rischio per la salute ritenuto troppo alto. Così, l'Epcr, l'ente che organizza Champions Cup e Challenge Cup, non ha potuto far altro che sospendere temporaneamente le coppe della palla ovale e rinviare le partite in programma a fine mese.

Vedi anche Covid, record di positivi in Premier: 36 in una settimana Calcio estero Covid, record di positivi in Premier: 36 in una settimana Adesso si teme che, se la situazione non migliorerà a breve, Parigi possa prendere la stessa decisione anche per le squadre di calcio. Un problema per Psg, impegnato negli ottavi di Champions League contro il Barcelloona (il 16 febbraio in Spagna) e il Lille, in campo in Europa League contro l'Ajax (il 25 febbraio in Olanda).

Al momento il rischio è ancora molto basso, ma non bisogna dimenticare che proprio la Francia è stato l'unico Paese tra i cinque grandi campionati di calcio a chiudere in anticipo la scorsa stagione di Ligue 1.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments