QUI NAPOLI

Spalletti: "Napoli più forte d'Europa? No, è un giochino per farci cadere"

Il tecnico risponde così ai complimenti di Guardiola: "Il Manchester City spende 900 milioni, noi 9"

  • A
  • A
  • A

Luciano Spalletti si gode la qualificazione storica ai quarti di Champions League ("questo è un grande traguardo, perché non c'eravamo mai riusciti prima,  è un grande risultato, ce lo godiamo insieme ai nostri tifosi") e risponde risentito ai complimenti di Guardiola, secondo cui il Napoli è la migliore squadra d'Europa. "No, non sono orgoglioso, è il giochino di scaricare le responsabilità, ti mettono lassù per poi farti cadere. Il Manchester City spende 900 milioni, noi 9".

"E' un gran risultato, ce lo godiamo con squadra e tifosi - ha aggiunto Spalletti -. E' fondamentale mantenere l'atteggiamento avuto stasera. All'inizio non siamo stati qualitativi come sempre, ma non abbiamo concesso quasi niente, poi siamo stati lucidi con la testa".

Il tecnico perde un po' la pazienza per i complimenti di Guardiola. "E' un giochino che si conosce quello di mettere le pressioni addosso all'altro, lo fanno tutti, quindi non mi rende orgoglioso. Che si fa, si mette il Napoli davanti al Manchester City che spende 900 milioni per fare la squadra mentre noi ne spendiamo nove? Si fa il giochino che serve a portarti là, perché poi sicuro devi cadere".

Parole al miele per Osimhen. "E' un calciatore fortissimo, che ha delle interpretazioni a volte da solista e ti dà questi grandi strappi. Deve riuscire anche a legare con la squadra e ora lo sta facendo, anche con l'Atalanta è stato d'aiuto contro avversari che gli andavano addosso. La pulizia e il far salire una squadra è un'altra componente essenziale".

L'analisi del match. "All'inizio abbiamo perso qualche linea di passaggio, non riuscivamo ad essere blocco-squadra. Non riuscivamo a fare la riaggressione. Nel secondo tempo meglio perché sia Kvara che Politano hanno capito che dovevano rientrare in mezzo al campo, una mezzala si metteva accanto a Lobotka e c'era maggiore possibilità di uscita. Così abbiamo creato più occasioni, anche se le avevamo create già nel primo tempo. Glasner ha cambiato totalmente rispetto all'andata: lì ci aveva aspettato, oggi ha fatto più pressione per tentare di ribaltare il risultato. E' stato coerente con quanto detta in conferenza stampa".

Poi, ai microfoni di Prime, un appello ai tifosi del Napoli dopo gli incidenti che hanno devastato il centro di Napoli. Non andiamo a rovinare il traguardo raggiunto in giro per la città. Andiamo a festeggiare lasciando da parte qualsiasi provocazione. Andiamo a festeggiare, a divertirci, a cantare i cori del Napoli. Sempre forza Napoli".

Vedi anche Champions League, Napoli-Eintracht 3-0: azzurri per la prima volta ai quarti Champions League Champions League, Napoli-Eintracht 3-0: azzurri per la prima volta ai quarti

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti