Guardiola: "Il mio City non è ancora al livello del Barcellona"

Il tecnico dei Citizens: "Favoriti per la Champions? No"

  • A
  • A
  • A

Il Manchester City continua a vincere, ma Pep Guardiola non si illude. C'è chi già fa il paragone con il Barcellona vincente del tiki taka: "I giocatori del Barcellona hanno dominato l'ultima decade, vincendo tantissimi trofei. Noi abbiamo appena conquistato il primo con questo gruppo, e per essere al loro livello serve tanto ma tanto tempo", il pensiero del tecnico dei Citizens.

"Siamo a un passo dai quarti, ma non ci siamo ancora, quindi dobbiamo mantenere la calma. La Champions League, è il sogno di tutte le squadre, ma se dovessimo passare il turno, per noi sarebbe solamente la seconda volta in assoluto ai quarti di finale", ha ricordato il tecnico catalano. Il City parte dalla netta vittoria dell'andata in Svizzera.

"La gente dice che siamo tra le favorite per la vittoria finale, ma in Champions League è tutto diverso. E se succede quello che è accaduto a Wigan, 44 minuti e un cartellino rosso? Se succede non vinciamo più la Champions League!", ha dichiarato ancora il manager del City. "A volte non conta solo come si gioca. La Champions League e' una cosa a parte. Basti pensare al Real Madrid: prima dell'andata contro il PSG la gente diceva 'Il Real non sta bene, il PSG è fortissimo e gioca al massimo'. Tre a uno e tutti a casa: la UCL è unica, vive di momenti", ha detto ancora.

Infine sui singoli. "John Stones e' un giocatore straordinario e me lo ha dimostrato ampiamente. Ora abbiamo quattro ottimi centrali. Vincent Kompany è stato fuori a lungo ma ha giocato le ultime partite. Questa volta sara' John ad avere l'opportunita' di mettersi in mostra", ha concluso Guardiola.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti