Cile, nuove accuse per Vidal

Il centrocampista di Cile e Juventus avrebbe aggredito un sergente prima dell'arresto per guida in stato d'ebbrezza nell'incidente in cui ha distrutto la sua Ferrari

  • A
  • A
  • A

Nuovi guai in vista per Arturo Vidal. Secondo i media cileni, infatti, il centrocampista della Juventus e della nazionale di Sampaoli avrebbe pesantemente insultato gli agenti accorsi sul luogo dell'incidente in cui ha distrutto la sua Ferrari e avrebbe sferrato un pugno all'altezza del petto al sergente Pezoa. E' quanto emerge dalla ricostruzione fatta dalla polizia e resa nota da "La Cuarta", uno dei maggiori network locali.

"Vidal Pardo, in maniera prepotente e arrogante, ha detto agli agenti 'poliziotti venduti, sono Arturo Vidal, il giocatore della nazionale', per poi assestare un pugno al petto del sergente Pezoa, ragione per cui sono stati chiamati rinforzi via radio al 15° commissariato di Buín. Gli agenti sono arrivati e hanno collaborato all'arresto e al trasporto all'ospedale locale di Vidal per controlli, prima di condurlo alla centrale per il procedimento di rigore". Questa la ricostruzione della polizia.

Dopo essere stato perdonato dal ct Sampaoli, Vidal dovrebbe partire titolare nel match di stanotte contro la Bolivia. Una vittoria per passare il turno e lasciarsi alle spalle tutte le polemiche di questi giorni.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments