FRANCIA

Ligue 1: poker del Psg al Lione, in gol anche Cavani

I campioni di Francia vanno sul 3-0, poi si rilassano e concedono due reti agli ospiti. Il Matador, entrato da tre minuti al posto di Icardi, segna il 4-2 finale

  • A
  • A
  • A

Il 24esimo turno della Ligue 1 si chiude con il 4-2 del Paris Saint-Germain sul Lione. Campioni di Francia in vantaggio al 22' con Di Maria, il raddoppio arriva al 38' con un cucchiaio di Mbappé. L'autogol di Marcal propizia il 3-0 al 47', poi la squadra di Tuchel si siede e concede due reti agli ospiti (segnano Terrier e Dembélé). Cavani, entrato da tre minuti al posto di Icardi, chiude il match al 79'. Vittorie anche per Montpellier e Strasburgo.

PARIS SAINT-GERMAIN-LIONE 4-2
C'è un Psg del primo tempo e uno del secondo: nei 45 minuti iniziali i campioni di Francia, con Icardi al centro dell'attacco, fanno un sol boccone del Lione, al punto che il 2-0 con cui si val al riposo sembra stare addirittura stretto. La prima occasione è per gli ospiti, vicini al vantaggio con un destro a giro di Terrier, ma già pochi minuti più tardi Lopes deve rispondere a un tiro di Mbappé. Al 22' il Psg passa in vantaggio con un mix di manovra collettiva e azione personale: una efficacissima ragnatela partita dal basso mette Di Maria in condizione di far fruttare la sua tecnica sulla destra; l'argentino non si lascia pregare e fulmina Lopes sul suo palo. Dalla rete del vantaggio nasce lo show parigino, con Di Maria che sfiora l'incrocio con un sinistro pericolosissimo, due reti annullate (una a Icardi, l'altra a Mbappé) e un'altra buona. Al 38', infatti, Icardi ruba un pallone alla difesa ospite e propizia il contropiede che manda Mbappé in porta: l'ex Monaco raddoppia con lo scavetto.

Raggiunto il tris in apertura di ripresa (47') con una comica autorete di Marcal, che spara in rete un pallone che avrebbe potuto tranquillamente appoggiare in corner, la squadra di Tuchel ha il demerito di sedersi sotto il diluvio parigino. E così, l'OL torna in partita in sette minuti, grazie alle reti di Terrier (52') e Dembélé (59'), quest'ultima provocata da un pallone perso da Draxler. Che infatti è il primo a lasciare il campo per i padroni di casa (dentro Sarabia). Esce anche Icardi, leggermente calato nella ripresa, per far posto a Cavani. E il Matador ci mette solo tre minuti a mettere il suo timbro: con l'OL tutto riversato in avanti alla ricerca di un 3-3 che non sembra più una chimera (anzi, Dembélé aveva messo i brividi a Navas con un destro di pochissimo largo), Di Maria arma il destro dell'uruguayano, che non può sbagliare in piena area e sigilla un poker che il Psg aveva già sfiorato per due volte con Mbappé (incrocio dei pali e terzo gol annullato di serata). Leonardo può respirare in tribuna: se ritrova anche Cavani, questo Psg fa ancora più paura.

MONTPELLIER-SAINT ÉTIENNE 1-0
Nonostante l'inferiorità numerica per oltre un tempo a causa del rosso a Sambia (41', intelligente il centrocampista che preclude a Bouanga la possibilità di segnare praticamente a porta vuota), il Montpellier batte il Saint Étienne grazie alla rete firmata da un colpo di testa di Delort al 25'. La Paillade, con questi tre punti, scavalca il Monaco e torna in quinta posizione con 37 punti. I Verts, invece, sono alla settima sconfitta nelle ultime otto gare di campionato: in Ligue 1 i punti fuori casa mancano dal 10 novembre.

STRASBURGO-REIMS 3-0
È difficile fare tre gol al Reims, seconda miglior difesa della Ligue 1. In campionato non c'era riuscito nessuno prima dello Strasburgo, che allo stadio della Meinau rifila un 3-0 alla squadra di Guion. La gara si sblocca nel secondo tempo, con il vantaggio che arriva grazie a un colpo di testa da due passi di Djiku (50'). Nei minuti finali gli alsaziani trovano spazi in contropiede e a otto minuti dal termine Majeed realizza il raddoppio. C'è tempo anche per il tris: al 94' un rigore di Lala chiude il match. In classifica, Strasburgo sesto a 36 punti, il Reims fa compagnia a Nizza e Nantes in decima posizione.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments