CALCIO IN LUTTO

Calcio in lutto: è morto Francisco Gento, leggenda del Real

L’ex stella delle merengues aveva 88 anni: nella sua straordinaria carriera vinse sei Coppe dei Campioni

  • A
  • A
  • A

Il Real Madrid, la Spagna e il calcio mondiale piangono Francisco "Paco" Gento. L'ex stella degli anni '50 e 60' si è spenta all'età di 88 anni. "l Real Madrid CF, il suo presidente e il suo Consiglio di amministrazione si rammaricano profondamente per la morte di Francisco Gento, presidente onorario del Real Madrid e una delle più grandi leggende del nostro club e del calcio mondiale", si legge in un comunicato del Real. Classe 1933, Gento è stata una delle più grandi figure del calcio spagnolo e non solo. E' tutt'ora l'unico calciatore ad avere vinto in carriera per ben sei volte la Coppa dei Campioni, cinque delle quali consecutive. 

Getty Images

Insieme con Paolo Maldini è uno dei due giocatori che hanno disputato 8 finali della massima competizione europea (il milanista si è fermato a 5 successi). Ha giocato con la maglia del Real Madrid fra il 1953 e il 1971: nel ruolo di ala, in 18 stagioni ha vinto 24 titoli e segnato 182 gol. Ha indossato la maglia della Nazionale spagnola in 43 occasioni, segnando cinque reti. Occupa, assieme al cannoniere francese Just Fontaine, il 30.mo posto della speciale classifica dei migliori calciatori del XX secolo stilata da IFFHS.

"Paco Gento è l'unico giocatore nella storia del calcio ad aver vinto 6 Coppe dei Campioni - spiega la nota del Real Madrid ripercorrendo la straordinaria carriera della leggenda delle merengues -. Ha difeso la maglia del nostro club tra il 1953 e il 1971, e durante le sue 18 stagioni al Real Madrid ha vinto, oltre a 6 Coppe dei Campioni, 12 Leghe, 2 Coppe di Spagna, 1 Coppa Intercontinentale, 1 Coppa del Mondo Piccolo e 2 Coppe latine. Al Real Madrid ha giocato 600 partite e segnato 182 gol. È stato internazionale con la squadra spagnola in 43 occasioni". 

"La figura di Paco Gento rappresenta fedelmente tutti i valori del Real Madrid, ed è stata e continuerà ad essere un punto di riferimento per il Real Madrid e per il mondo dello sport - si legge ancora nel comunicato delle merengues -. I tifosi del Real Madrid e tutti gli appassionati di calcio lo ricorderanno sempre come una delle loro grandi leggende".

Nel dicembre del 2015 era diventato Presidente d’Onore del Real Madrid, carica che ha rivestito fino alla scomparsa. 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti