Benatia-Al Duhail, questione di fede: "In Qatar per i miei figli"

"Voglio farli crescere in un ambiente islamico". Poi sulla Juve: "Spero Ronaldo la porti in finale di Champions"

  • A
  • A
  • A

Questione di fede e voglia di Champions... asiatica. L'avventura in Qatar di Medhi Benatia è iniziata e l'ex difensore della Juventus, ora all'Al Duhail, ha spiegato la sua scelta: "E' stata quella più giusta per me e la mia famiglia. Voglio che i miei figli crescano in un ambiente islamico". Sul campo l'obiettivo è cambiato: "Possiamo vincere la AFC Champions League". Sulla Juve: "Lascio molti amici, spero CR7 ci porti in finale di Champions".

La fede musulmana di Benatia è nota da anni, ma il difensore marocchino ha scelto di spiegare anche così la scelta di abbandonare il calcio europeo per trasferirsi a giocare in Qatar: "Penso che tutti dovrebbero rispettare la mia scelta che è stata la più giusta per la mia famiglia. Le trattative sono state lunghe - ha confermato l'ex Juventus -, ho giocato con grandi club come Juventus, Roma e Bayern Monaco ma ora ho altri obiettivi. Possiamo vincere l'AFC Champions League".

L'addio alla Juventus è stato tumultuoso, le offerte non mancavano ma Benatia parla ancora da tifoso bianconero soprattutto su Instagram: "Lascio molti amici a Torino, ma penso soprattutto a Matuidi e Pjanic che sono due fratelli e mi mancano già". Poi gli auguri a Ronaldo: "Buon compleanno, tranquillo che puoi giocare fino a 40 anni. Portaci in finale di Champions".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments