Amichevoli: Belgio-Olanda è pari

L'attaccante del Napoli porta in vantaggio i Diavoli Rossi al 5' con un gran destro, al 28' Groeneveld trova il gol dell'1-1

  • A
  • A
  • A

Finisce in parità il “derby del Benelux” tra Belgio e Olanda allo stadio Re Baldovino di Bruxelles: apre le marcature Dries Mertens al 5', autore di un gran destro dopo una funambolica azione di Eden Hazard. Il pari olandese arriva al 28' quando Depay serve un assist d'oro a Groeneveld. Tanti cambi nella ripresa e occasioni da entrambi i lati, ma il risultato non cambierà più.

Pochi cambi per entrambi i tecnici rispetto alle ultime ottime uscite contro Svizzera e Germania: Martino inerisce Boyata e Denayer al fianco di Alderweireld, sugli esterni Chadli e Castaigne al posto di Meunier e Carrasco. Koeman, rispetto al trionfale 3-0 sui tedeschi, inserisce Ake a sinistra avanzando Blind in mezzo al campo, con De Beek e Strootman ai lati e il tridente Groenveld-Depay-Promes. Il “derby del Benelux” vede una partenza sprint dei padroni di casa, in vantaggio dopo 5' con Dries Mertens, ancora titolare nel tridente con Lukaku e Hazard: gran destro da centro area sotto la traversa in seguito ad una fantastica azione di Hazard, che taglia in due la difesa olandese. L'attaccante del Napoli è scatenato, e al 14' serve un gran pallone per Lukaku che di testa da buona posizione mette fuori. Al 22' i tulipani vanno vicini al pari con Depay, il cui tiro è ben parato da Mignolet, poi è Boyata a sfiorare il raddoppio al 26'. Ma dopo due minuti arriva il pareggio: Depay (28') serve Groeneveld che batte Mignolet. Olanda ancora pericolosa al 33', quando Promes di sinistro prende il palo, poi è Hazard a sfiorare il gol al 37', sempre su assist di Mertens, con un destro da ottima posizione che finisce fuori. Nella ripresa fuori un Hazard, dentro un altro (Thorgan), vanno a sedere anche Mertens e Lukaku per Praet e Batshuayi. Al 63' ci prova Chadli con un gran destro, ben neutralizzato da Cillessen, ma i ritmi sono molto meno elevati rispetto al primo tempo. Depay si dà molto da fare, ma non basta: finisce in pareggio, e tutto sommato è giusto così.

Spettacolare 4-3 del Giappone sull'Uruguay: vantaggio nipponico con Minamino al 10', pari di Pereiro al 28', orientali ancora avanti con Osako al 36'. Nella ripresa ci pensa Cavani a regalare il nuovo pareggio alla Celeste (57'), poi Doan (59') e ancora Minamino (66') ribaltano la situazione. La rete di Rodriguez al 75' non basta alla Nazionale di Tabarez, che ha risparmiato il secondo tempo a Bentancur e gli ultimi 25' a Caceres. In campo invece per tutti i 90' Diego Laxalt. La Danimarca batte 2-0 l'Austria con le reti di Lerager al 29' e Braithwaite al 93', mentre la Svezia ha pareggiato 1-1 in casa contro la Slovacchia. A segno Guidetti al 52' e Rusnak all'84': tra gli svedesi in campo gli “italiani” Ekdal e Hiljemark, nella Slovacchia 67 minuti per Hamsik e tutti i 90 per Skriniar.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments