Serie A, pari del Bologna: è salvo

Reti di Correa, Bastos e Milinkovic-Savic per i biancocelesti. Mihajlovic trova il punto della salvezza grazie a Poli, Destro e Orsolini

  • A
  • A
  • A

Nel posticipo del 37° turno di Serie A, Lazio e Bologna pareggiano 3-3. Con questo punto gli emiliani sono salvi nonostante un girone d'andata da incubo. L'incontro è pirotecnico: biancocelesti avanti con Correa (14'), i rossoblù ribaltano la partita in un minuto con Poli (50') e Destro (51'), poi subiscono il 2-2 di Bastos (59'). Orsolini riporta avanti gli ospiti in mischia (64'), Milinkovic-Savic fissa il risultato su calcio di punizione (80').

LA PARTITA Simone Inzaghi, dopo la vittoria della Coppa Italia, dà spazio a qualche riserva. In porta c'è Guerrieri, all'esordio in Serie A. Milinkovic-Savic, autore della prima rete nella finale di mercoledì contro l'Atalanta, parte ancora dalla panchina. Al suo posto Badelj. In attacco confermatissimo Correa, che conferma il suo momento magico mettendo a ferro e fuoco la difesa di Mihajlovic nel primo quarto d'ora. Dopo pochi secondi il destro dell'argentino, indirizzato all'incrocio, trova in Lulic un portiere involontario. Il bersaglio viene centrato al 14': Correa manda fuori tempo Danilo con il tacco e trafigge Skorupski a ridosso dell'area piccola. Ancora una rete bella, ispirata. L'argentino è in fiducia e fa quello che non riesce più a Immobile: incidere e segnare. Il bomber napoletano, a digiuno su azione dal 10 marzo, tira debolmente per due volte. Il Bologna non sta a guardare: Mihajlovic non rinuncia ad attaccare e il suo 4-2-3-1 crea grattacapi ai padroni di casa con Orsolini e Poli, ma non centrando mai la porta.

Il tempo di aggiustare la mira, e il Bologna ribalta la situazione in un minuto. Tra il 5' e il 6' della ripresa, gli ospiti trovano due reti con Andrea Poli (sinistro sul primo palo lasciato scoperto da Guerrieri) e Mattia Destro, che conclude di esterno su assist di testa di Palacio. Ormai le due squadre sono liberi da pensieri di classifica e danno vita a un match aperto, con spunti tecnici interessanti. Al 59' arriva il 2-2 di Bastos: notevole l'esecuzione del difensore, autore di un gol "alla Del Piero". Passano solo cinque minuti e il Bologna trova il 3-2 in mischia con Orsolini, all'ottavo gol in campionato, il quarto nelle ultime cinque partite. Uno dei beneficiari della cura-Mihajlovic, che ha portato 29 punti in 16 partite e rivoluzionato una squadra sfiduciata in un'altra che viaggia a ritmi da Champions. E che si salva con pieno merito, nonostante la punizione a dieci minuti dal termine di Milinkovic-Savic, entrato per Leiva.

LE PAGELLE Correa 7: l'argentino sblocca il risultato con una magia e in generale dispensa qualità alla manovra biancoceleste. Cerca di far segnare anche Immobile, non ci riesce per l'imprecisione del bomber.
Immobile 5: AAA cercasi Ciro. Inzaghi gli concede fiducia sperando che si interrompa il digiuno di reti che dura da più di due mesi. Ma il bomber incubo di tutti i portieri è un ricordo lontano.
Guerrieri 5: all'esordio in Serie A, il portiere classe '96 ha evidenti colpe sull'1-1 di Poli, facendosi beffare sul primo palo. Anche sul gol di Destro resta nella terra di nessuno.
Orsolini 7,5: un moto perpetuo sulla fascia, l'ala destra di scuola Juventus offre un'altra grande prestazione, avviando l'azione del secondo rete e mettendosi in proprio nel 3-2. Con la rete all'Olimpico, sono otto centri in campionato.
Poli 7: pericoloso nel primo tempo con un diagonale fuori di poco, aggiusta la mira nella ripresa e sorprende Guerrieri sul proprio palo. Esce poi per infortunio sul finire del match.
Destro 7: un altro giocatore che ha beneficiato nettamente della cura di Mihajlovic. Oggetto misterioso nella prima parte di stagione, l'ex Milan e Roma ha giocato sei partite con il serbo in panchina, mettendo a segno quattro reti.

IL TABELLINO LAZIO-BOLOGNA 3-3
Lazio (3-5-2):
Guerrieri 5; Bastos 7, Luiz Felipe 5,5 (8' st Armini 5,5), Acerbi 5,5; Romulo 5,5, Parolo 6, Leiva 6,5 (29' st Milinkovic-Savic 7), Badelj 5,5 (20' st Cataldi 6), Lulic 6; Correa 7, Immobile 5. A disp.: Proto, Furlanetto, Patric, Wallace, Durmisi, Jordao, Dias, Marusic, Abukar. All.: Inzaghi 6.
Bologna (4-2-3-1): Skorupski 6; Mbaye 5, Danilo 5, Lyanco 6, Dijks 6,5; Poli 7 (35' st Dzemaili s.v.), Pulgar 6,5; Orsolini 7,5, Soriano 6, Palacio 7 (45' st Krejci s.v.); Destro 7 (26' st Santander 6). A disp.: da Costa, Paz, Nagy, Donsah, Helander, Edera, Svanberg, Calabresi, Falcinelli. All.: Mihajlovic 7.
Arbitro: Pasqua
Marcatori: 14' Correa, 4' st Bastos, 35' st Milinkovic-Savic (L), 5' st Poli, 6' st Destro, 19' st Orsolini (B)
Ammoniti: Destro, Correa, Leiva

LE STATISTICHE DI LAZIO-BOLOGNA -Terzo pareggio consecutivo all'Olimpico tra Lazio e Bologna in Serie A, l'ultima volta nel massimo campionato risaliva al marzo 1956 (tre).
-La Lazio è la squadra che ha perso più punti in casa (15) da situazione di vantaggio in questa Serie A, non riuscendo mai a vincere nelle 10 volte in cui è andata sotto nel punteggio (5N, 5P).
-La Lazio ha subito otto gol nelle ultime tre partite casalinghe in Serie A, solo uno in meno di quanti ne aveva incassati nelle precedenti nove sfide interne.
-Quinto gol in campionato per Correa, il secondo consecutivo. L'argentino non andava in rete per due match di fila in Serie A dal gennaio 2016 (con la maglia della Sampdoria).
-Da inizio marzo Joaquin Correa ha preso parte a sei gol della Lazio in Serie A (due gol, quattro assist), nessun giocatore biancoceleste ha fatto meglio.
-Milinkovic-Savic ha segnato il suo 22° gol in Serie A con la maglia della Lazio, il primo con un calcio di punizione diretto.
-Destro ha segnato un gol ogni 121 minuti in questa Serie A, solo Kean (74) e Quagliarella (120) hanno fatto meglio tra i giocatori con almeno due gol.
-Rodrigo Palacio ha preso parte a 10 gol contro la Lazio in Serie A (sette gol, tre assist), contro nessuna altra squadra ha fatto meglio.
-Riccardo Orsolini ha preso parte a cinque gol del Bologna nelle ultime cinque partite in Serie A (quattro gol, un assist)
-150° presenza in Serie A per Roberto Soriano, traguardo raggiunto con le maglie di Torino, Sampdoria e Bologna.
-50° presenza nel massimo campionato per Riccardo Orsolini e 100° apparizione per Danilo Cataldi.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments