CORONAVIRUS E SPORT
TEMPO REALE

Il coronavirus ferma lo sport: la giornata

Si ferma tutto: pioggia di rinvii e cancellazioni

  • A
  • A
  • A

I casi di positività al coronavirus degli atleti in tutto il mondo hanno portato al rinvio delle competizioni sportive, Europei e Olimpiadi di Tokyo comprese. Ecco le notizie di giornata da tutto il mondo.

23:04 L'EX PORTIERE TURCO, RUSTU, RICOVERATO IN OSPEDALE
Il Coronavirus continua a colpire anche nel mondo del calcio: l'ultimo contagio eccellente è quello di Rüştü Reçber, ex portiere turco con un passato al Fenerbahce, al Barcellona e al Besiktas. L'annuncio è stato dato dalla moglie con un post su Instagram: il 46enne è attualmente ricoverato in ospedale, negativi i test della donna e dei due figli.

21:00 PALTRINIERI: "FONDO UNA PASSIONE, OBIETTIVO A TOKYO"
"Il nuoto di fondo è una passione che per qualche tempo ho trascurato ma poi ho ripreso e sarà un mio obiettivo per le Olimpiadi. E' una specialità che mi dà la possibilità di sperimentare cose nuove, che per un atleta sono importanti". Lo ha detto l'olimpionico dei 1.500 Gregorio Paltrinieri, in collegamento da casa con gli studi di Sky. Quanto all'attuale emergenza sanitaria, il nuotatore emiliano ha espresso la considerazione che "come italiani magari all'inizio non abbiamo preso avuto contezza della situazione ma da quando e' stata fatta chiarezza siamo tutti fermi in casa. Noi atleti - ha proseguito - cerchiamo di allenarci ma le priorità sono altre rispetto allo sport". Poi un plauso alla Nba, che ha in lui un grande tifoso, per come ha gestito la cosa: "Il loro modello e' stato il migliore. Al primo caso di positivita' hanno deciso di stoppare subito tutto. E' la scelta giusta per sistemare le cose. Per noi - ha aggiunto - è più complicato, ci alleniamo a mezzo ma visto che i Giochi sono tra un anno e oltre avremo tempo di prepararci con calma". Paltrinieri ha anche voluto ricordare Oscar Ghidini, un fisioterapista che lo aveva seguito anni fa e che è stato vittima del coronavirus. "Mi ha seguito per uno o due anni, era bravissimo molto appassionato, mi dispiace davvero tanto per lui"

20:00 TORTU: "CONOSCO I BERGAMASCHI, IL VIRUS NON LI FERMERÀ"
"Sento Bergamo come fosse la mia città, vederla così è stato un duro colpo ma, conoscendo i bergamaschi, non sarà tutto questo a fermarli". Lo ha detto il velocista azzurro Filippo Tortu, intervenendo in diretta a Sky, dalla sua casa in Brianza. Tortu ha ribadito la propria passione per il calcio, ammettendo di avere "visto Chelsea-Bayern Monaco" di Champions, perché "faccio il tifo per il Chelsea". "Peccato - ha aggiunto . che l'esito di quella partita non è stato quello mi aspettavo. Lampard? E' il mio calciatore inglese preferito, dei 'Blues' mi piace molto l'attaccante Abraham". "Se posso avvicinarmi a Bolt? Io penso a migliorare il mio record di 9"99, poi si vedrà - ha aggiunto -. Il rinvio delle Olimpiadi? E' stato giusto che il Cio abbia deciso così, non penso ci sia l'atmosfera giusta e prima viene la salute. Quest'anno mi sarei concentrato solo sui 100 metri, ma in futuro l'idea e' di provare i 200, anche se sono convinto che i 100 sono la mia gara. Avrò un anno in più per allenarmi". "Se mi ispiro a Pietro Mennea? La sua figura mi ha ispirato, i miei due campioni preferiti sono Mennea e Livio Berruti - ha sottolineato Tortu -. Se in futuro mi piacerebbe giocare al calcio come ha provato a fare Bolt? Moltissimo: sono molto appassionato di calcio e di basket. Mi piacerebbe, ma penso che mi limiterò a qualche partita di calcetto con gli amici. Più facile che partecipi anche a un'Olimpiade invernale, non nascondo che un pensiero su Milano-Cortina l'ho fatta"

19:35 ROMA, LA PRIMA PARTITA SARÀ DEDICATA AGLI OPERATORI SANITARI
La Roma dedicherà la prima partita in casa davanti ai propri tifosi agli operatori sanitari che sono stati in prima linea nella battaglia contro il Covid-19. Ampliando la campagna 'Heroes' lanciata sui social media giallorossi in questi giorni, volta a rendere omaggio a medici e infermieri che in Italia e nel mondo stanno combattendo il Coronavirus, il club giallorosso annuncia metterà a disposizione fino a 5.000 biglietti gratuiti per gli operatori sanitari in occasione del primo match casalingo a porte aperte allo Stadio Olimpico dopo la ripresa delle attività della squadra, per permettere a tutti i tifosi di mostrare loro riconoscenza per l'infaticabile lavoro svolto durante questa crisi. Nella stessa partita verranno ricordati gli operatori sanitari che hanno perso la vita durante l'epidemia.

19.30 JOVIC DONA 50.000 EURO ALLA SERBIA
Luka Jovic, nazionale serbo in forza al Real Madrid, ha donato 50 mila euro al suo Paese per l'acquisto di respiratori necessari nella lotta al coronavirus. Ne danno notizia i media a Belgrado. Jovic nei giorni scorsi era stato denunciato dalla polizia per violazione dell'obbligo di autoisolamento scattato al suo rientro a Belgrado dalla Spagna. Agli agenti che l'avevano sorpreso per strada aveva detto di essere uscito per andare in farmacia. Successivamente aveva puntato il dito contro il personale in servizio all'aeroporto belgradese sostenendo di non aver ottenuto informazioni precise sul comportamento da osservare. 

19:20 GODIN: "NOI CALCIATORI ESPOSTI FINO ALL'ULTIMO"
iego Godin, appena rientrato in Uruguay col permesso dell'Inter, non risparmia critiche all'operato delle autorità in merito all'emergenza coronavirus: "Noi calciatori siamo stati esposti fino all'ultimo momento, hanno continuato a tirare la corda per vedere se si poteva continuare a giocare, fino a quando la situazione non è stata insostenibile e il sistema sanitario è crollato" ha spiegato ad ESPN.

19:00 VETTEL: "PRENDETE LA SITUAZIONE SUL SERIO"
Non penso di poter dare chissà quali consigli. Semplicemente prendete sul serio la situazione, prendetevi cura di voi stessi e delle altre persone, soprattutto di quelle più anziane". E' l'appello di Sebastian Vettel che ha risposto alle domande dei tifosi sul sito della Ferrari. "Mantenete le distanze, lavatevi le mani. Probabilmente sto dando fin troppi consigli, ma credo che la cosa piu' importante sia rispettare le altre persone e questo significa tenersi a una distanza di sicurezza dagli altri", ha aggiunto il tedesco. "Non sottovalutate la situazione, prendete la cosa sul serio e siate responsabili"

18:45 GOLF, AIUTI ECONOMICI PER GIOCATORI E CADDIE
Un'assistenza economica per giocatori e caddie, tra pagamenti anticipati da sottrarre poi ai guadagni futuri. E' questa l'iniziativa del PGA Tour di golf per tutelare i players, soprattutto quelli più in difficoltà, e i loro assistenti durante la pandemia di coronavirus. L'emergenza sanitaria ha messo in ginocchio anche il mondo sportivo e il massimo circuito di golf americano ha deciso di adattare contromisure in base anche all'attuale classifiche della FedEx Cup. Anticipi fino a un massimo di 30.000 dollari tenendo conto delle diverse esigenze finanziare dei protagonisti del green. Un provvedimento anche per sostenere quei giocatori e quei caddie più in difficoltà dopo lo stop delle gare e quindi del lavoro.

18:09 SI FERMA LO SPORT UNIVERSITARIO: RINVIATI I NAZIONALI
E' stata rinviata a data da destinarsi, a causa del perdurare dell'emergenza Coronavirus, la 74/a edizione dei Campionati Nazionali Universitari, nella loro sessione primaverile, che si sarebbe dovuta svolgere a Torino dal 22 al 31 maggio 2020. La decisione e' stata presa dal Cusi (Centro Universitario Sportivo Italiano), rappresentato dal presidente Antonio Dima, e dal Centro Universitario Sportivo torinese, ente organizzatore, rappresentato dal presidente Riccardo D'Elicio. "E' una scelta inevitabile vista la situazione drammatica che si sta affrontando in Italia e nel mondo intero - dice D'Elicio - . Lo sport universitario non puo' che rispettare e condividere le decisioni prese dalle istituzioni, vista l'eccezionalita' dei fatti e l'importanza delle responsabilita' individuali. Questo evento avrebbe portato nella nostra citta' oltre 4.000 partecipanti da tutta Italia, tra atleti, tecnici e dirigenti accompagnatori, impegnati in 21 discipline differenti. Continuo ad essere convinto che lo sport sara' uno dei fattori di rinascita dopo questo orribile momento".

17:36 LIGUE 1: IPOTESI TAGLIO DEL 50% AGLI STIPENDI
Gli stipendi in Ligue 1 potrebbero essere tagliati in media del 50%. Per fronteggiare la crisi innescata dalla pandemia di coronavirus, tra i club francesi c'e' chi ha gia' messo in atto la disoccupazione parziale. Un'altra misura allo studio riguarda un drastico taglio degli ingaggi, fronte al quale - scrive L'Équipe - la Lfp, la Lega calcio francese, sta lavorando in maniera molto concreta. Secondo il quotidiano, "i salari potrebbero temporaneamente diminuire di circa il 50% (al lordo). Una riduzione che sara' compensata in seguito e al momento del ritorno sul campo. Potrebbe anche essere garantito dai diritti televisivi futuri nel periodo 2020-2024". Il gruppo di lavoro della Lfp sui salari sta perfezionando le proposte. Il prossimo incontro e' previsto per il 6 aprile: i salari di marzo, quindi, saranno pagati per intero. Attualmente, nei club che hanno adottato la disoccupazione parziale, i giocatori perdono solo il 16% del loro stipendio netto in busta paga

17:10 CICLISMO: LOTTO E ASTANA RIDUCONO LE PAGHE
I primi effetti economici del coronavirus coinvolgono il ciclismo, sport che vive di sponsorizzazioni e che comincia a tagliare o ridurre salari, andando di pari passo con la crisi economica mondiale. E' di queste ore la notizia che Lotto Soudal e Astana - due squadre del World Tour - hanno ridotto le spese. La squadra belga ha spiegato, in una nota, di avere chiesto (ottenendo una risposta affermativa all'unanimita') ai propri dipendenti di poter ridurre gli stipendi. Questo per quanto riguarda i corridori, mentre il resto del personale - circa 25 persone, fra meccanici, massaggiatori, fisioterapisti e autisti - e' stato posto in disoccupazione provvisoria, dal momento che quasi tutti avevano un contratto di collaborazione o consulenza con il team, da liberi professionisti. Anche l'Astana, una delle ex squadre di Nibali e Aru, e' corsa ai ripari: la squadra kazaka ha reso noto di avere ridotto del 30 per cento i salari a tutto il personale, dirigenti compresi, per la durata di tre mesi. Il taglio dovrebbe persistere nel caso in cui l'emergenza si protraesse.

16:35 L'NBA PENSA A SQUADRE E MAXICAMPUS IN UNICA CITTA'
L'Nba starebbe pensando a concludere una stagione in una o al massimo due città creando le condizioni di sicurezza, a livello di arene, campi di allenamento, alberghi e test per il coronavirus, per poter ricominciare a disputare partite e finire il torneo. Secondo quanto riportato da Brian Windhorst di ESPN, una delle città prescelte potrebbe essere Las Vegas, che ospita già la Summer League della NBA al Thomas & Mack Center e al Cox Pavilion, ma senza disdegnare l`opzione di creare un campo in uno dei mastodontici alberghi della Strip in modo da tenere le squadre sotto un unico "tetto". Un altro posto suggerito è quello delle Bahamas, sempre replicando il campo in una delle enormi sale di un albergo in modo da poter trasmettere le partite. E un`altra opzione vede la NBA trasferirsi in blocco in un campus universitario del Midwest, dove per ora i casi di COVID-19 sono significativamente più bassi rispetto al resto del paese. L`idea di avere un`unica location dove le squadre possano dormire, allenarsi, mangiare e rimanere in salute per poter quantomeno ricominciare a giocare sembra la più percorribile, ma si tratta comunque di una sfida. Quello che è certo è che si ricomincerà senza tifosi sugli spalti e con il minor numero di persone possibili coinvolte 

16:10 TOUR DE FRANCE, 15 MAGGIO ULTIMATUM PER LA DECISIONE
L'Aso (Amaury Sport Organisation) società organizzatrice del Tour de France, avrebbe individuato nel 15 maggio la 'deadline' per prendere una decisione definitiva sulla 107esima edizione della Grande Boucle, in programma dal 27 giugno al 19 luglio su un percorso lungo 3470 chilometri. Il Tour è tra gli ultimi eventi estivi importanti ad avere ancora un destino incerto. I sindaci di varie città ospitanti si dicono preoccupati della possibilita' di una corsa gialla a porte chiuse, senza tifosi, così come ipotizzato in settimana dal ministro dello sport francese Roxana Maracineanu. Un rinvio del Tour non è da escludere, anche perché lo stesso presidente dell'Uci, Brian Cookson, ha suggerito di ridurre i Grandi Giri da tre a due settimane e di riprogrammarli in una finestra che va da fine luglio sino al termine della stagione. 

16:08 CALCIO, FRANCIA: IMPOSSIBILE CHIUDERE IL 30/6
"Oggi ci rendiamo conto che sembra impossibile chiudere la stagione il 30 giugno. Ci sono delle ipotesi: c'è chi dice che ripartiremo il 15 maggio, chi il primo o il 15 giugno, di certo dovremo fare attenzione alle indicazioni che ci darà lo Stato". Così il presidente della Federcalcio francese, Noel Le Graet, intervistato da L'Equipe. Il numero 1 del calcio transalpino ha spiegato che "non tutti i club hanno la stessa opinione, di certo pero' oggi non può essere presa una decisione precisa o definitiva". Le Graet ha parlato dopo avere presieduto il Comitato esecutivo della FFF, che si è riunito giovedì per discutere la riorganizzazione del calcio dopo lo stop per il coronavirus. "Non possiamo riprendere le competizioni prima che lo Stato ci dia il via libera", ha poi aggiunto il dirigente.

15:38 BASKET, MENEGHIN: "SI VA VERSO ANNULLAMENTO STAGIONE"
"Il basket si ferma? E' doveroso farlo per preservare la salute degli attori principali: atleti, massaggiatori e tifosi. Stiamo vivendo un momento drammatico e lo sport, il basket, fa parte di questa vita. Dobbiamo essere tutti ligi alle regole dettate dal Governo per preservare la salute". Lo ha detto Dino Meneghin, presidente onorario della Fip. "Annulleremo la stagione, è necessario farlo. La vita è più importante dello sport, in questo momento è indispensabile per dare la possibilità a tutti di salvare la propria pelle. Ogni giorno ci sono centinaia di morti, migliaia di contagiati, è una pandemia che coinvolge il mondo intero", ha spiegato a Radio Punto Nuovo.

14:23 VOLLEY, IL MONZA TRASFORMA IL PALAZZETTO PER GLI AIUTI
Il Vero Volley Monza si pone in prima linea per la lotta al coronavirus. Il Consorzio del presidente Alessandra Marzari, medico al Niguarda di Milano, ha trasformato due aree della Candy Arena per fare fronte all'emergenza: da una parte è sorto il centro di distribuzione di 30mila mascherine chirurgiche, donate da un gruppo di industriali brianzoli per sostenere le necessità della Protezione Civile e delle case di riposo locali; dall'altra invece e' nato un laboratorio per sperimentazione delle maschere da snorkeling (donate da Decathlon) convertite in respiratori contro il Covid-19.

14:05 WEST HAM, 8 GIOCATORI IN ISOLAMENTO
Otto giocatori del West Ham si trovano attualmente in isolamento con i sintomi del coronavirus. Lo ha confermato la vicepresidente del club Karren Brady. "Sono sollevato nel dire che stanno tutti mostrando sintomi lievi e, insieme alle loro famiglie, sembrano stare bene", le sue dichiarazioni al 'Sun'. La squadra continua a lavorare da casa, in attesa di capire se verranno ripresi gli allenamenti dopo l'attuale scadenza, fissata per il 13 aprile. 

14:00 ATLETICA, I MONDIALI POTREBBERO SLITTARE AL 2022
La data di svolgimento dei prossimi Mondiali di atletica leggera resterà in bilico fino a quando il Comitato Olimpico Internazionale non deciderà il nuovo programma dei Giochi di Tokyo, posticipati di un anno. Il numero uno di World Athletics, Sebastian Coe, ha dichiarato che ci sono molte opzioni per riprogrammare l'evento previsto per il prossimo anno a Eugene, Oregon, ma al momento dipendono tutte da come agirà il Cio. Attualmente i Mondiali di atletica sono previsti dal 6 al 15 agosto 2021, ma potrebbero anche slittare di un anno.

13:20 SHEVA: "IO CHE HO VISSUTO A CHERNOBYL..."
"Forza Italia, ce la facciamo tutti insieme. Vi sono sempre vicino". Si è concluso così il messaggio di incoraggiamento che Andrij Shevchenko ha affidato a Sky Sport. L'ex attaccante del Milan si trova "fuori Londra, già da 10 giorni chiuso in casa". Il campione ucraino ha ricordato di aver vissuto una situazione simile dopo Chernobyl. "Ora l'unica soluzione è rispettare le regole, restare in casa - ha sottolineato - per rispetto non solo di noi stessi, ma di quanti potremmo contagiare, magari non sapendo di essere positivi". Poi un ringraziamento speciale a quanti, in tutto il mondo, "stanno facendo un grandissimo lavoro, medici ed infermieri. Siete voi gli eroi del nostro tempo".

13:00 LEGA B, RACCOLTA FONDI PER LA RICERCA
La Lega Serie B e le 20 società associate scendono in campo a sostegno della ricerca scientifica del Cnr (Consiglio Nazionale delle Ricerche) sul coronavirus, con sms o chiamata da rete fissa al numero 45587 dal 28 marzo al 16 aprile. Una campagna di raccolta fondi inizialmente nata per 'B come Bambini' il progetto della Lega B a sostegno dell'assistenza ai familiari dei pazienti ricoverati nei tre ospedali pediatrici italiani, Bambino Gesù di Roma, Meyer di Firenze e Gaslini di Genova, ma che, vista l'emergenza sanitaria che sta coinvolgendo il nostro Paese, anche grazie alla sensibilità delle tre strutture pediatriche, si è trasformato in un progetto attuale e necessario. 'I più piccoli per i più grandi' è il senso della scelta che ha guidato la Fondazione Bambino Gesù di Roma, l'Associazione Gaslini Onlus di Genova e la Fondazione Meyer di Firenze a individuare, quale beneficiario della raccolta, lo studio dei meccanismi che portano il coronavirus a provocare infezioni e determinare malattie infettive per lo sviluppo di terapie innovative del Cnr. Partner dell'iniziativa è Ispra, Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale.

12:33 PIERINO GAVAZZI IN TERAPIA INTENSIVA
Pierino Gavazzi lotta per la vita contro il coronavirus. Il vincitore della Milano - Sanremo 1980 sta lottando con il CoVID-19 all`Istituto Clinico San Rocco di Ome. Classe 1950, il velocista bresciano è ricoverato nel reparto di terapia intensiva, potenziato appositamente per combattere questa emergenza, ed è sotto un casco per l'ossigeno dopo essersi sentito male nei giorni scorsi. "Stiamo vivendo momenti drammatici - ha raccontato il figlio Mattia alla Gazzetta dello Sport -. Mercoledì sera alle 10 ha chiamato una dottoressa dicendoci che la situazione polmonare era nettamente peggiorata, che papà era steso a letto su un fianco, che faticava molto. Una situazione molto critica, non ci ha nascosto che avremmo dovuto prepararci anche al peggio".

12:26 GALLINARI DONA KIT ANTI-CORONAVIRUS AGLI OSPEDALI DI OKLAHOMA
Danilo Gallinari, uno dei primi a lanciare l'allarme nel mondo NBA sulla gravità del virus Covid-19 e sulle possibili conseguenze, ha deciso di donare il kit anti-coronavirus (mascherine e guanti) agli ospedali dell'Oklahoma. "C`e' bisogno, e se le persone nelle mia posizione possono far qualcosa per aiutare sento di volerlo fare e di doverlo fare", ha commentato. Grazie all'impegno del giocatore dei Thunder il dipartimento medico della contea di Oklahoma City riceverà 400 test per il coronavirus insieme a tanto altro materiale utile in questa emergenza, dalle mascherine ai guanti.

12:24 URUGUAY, FEDERCALCIO SOSPENDE TUTTI I CONTRATTI 
Tutti i contratti sospesi a tempo indeterminato, da quello del Ct Oscar Tabarez agli amministrativi. La decisione della Federcalcio uruguaiana, che somiglia molto ad un licenziamento, è conseguenza del blocco delle attività sportive dovuto alla pandemia di Covid-19. "Il comitato esecutivo informa che, a causa dell'attuale crisi sanitaria che ha portato alla cessazione di tutte le attività, è obbligato a prendere una serie di decisioni difficili al fine di proteggere il futuro funzionamento dell'istituzione" ha annunciato l'AUF in una nota. 

12:10 BRASILE, LA "TRAGEDIA" DEL MINERAO FRUTTA 140MILA EURO
Anche il ricordo di una 'tragedia' nazionale, seppur calcistica, può aiutare nella lotta alla pandemia del coronavirus, e trasformarsi in qualcosa di positivo. E' successo in Brasile, dove nessuno ha dimenticato quanto accadde al 'Minerao' di Belo Horizonte nella semifinale dei Mondiali 2014. Quell'1-7 è ancora un incubo ma adesso ha fruttato 800 mila reais (circa 140mila euro) una parte dei quali (240mila reais, circa 45 mila euro) sara' devoluta all'ospedale 'Da Baleia' della capitale mineira, per l'acquisto di respiratori e mascherine per il personale che lavora nella struttura e in particolare per coloro che fanno parte del reparto di terapia intensiva. Il resto verrà speso per tre progetti sociali e sanitari, a Belo Horizonte e nello stato di Pernambuco, sempre nell'ambito del contrasto alla pandemia. Tutto ciò percheé i gestori dello stadio, che custodivano ancora i cimeli di quel Mondiale fra i quali le reti utilizzate per le due porte in quella 'dolorosa' semifinale, hanno deciso di fare a pezzi proprio le due reti in cui andarono ad insaccarsi le conclusioni dei vari Klose, Kroos, Muller e Khedira e di metterli in vendita. Le vendite online, a 71 euro a pezzo, hanno avuto un grande successo, in particolare fra gli internauti tedeschi, e per questo ora è possibile fare questa donazione al 'Da Baleia'.

12:05 MORTO GHIDINI, IL MASSAGGIATORE DEI CAMPIONI
Addio al massaggiatore dei campioni dello sport Oscar Ghidini. Il fisioterapista reggiano è morto ieri all'età di 85 anni, all'ospedale di Guastalla, nella Bassa in provincia di Reggio Emilia, dov'era ricoverato da lunedì, contagiato dal coronavirus. Nel suo curriculum Ghidini vanta la partecipazione a tre Olimpiadi al fianco di numerosi atleti, di cui curava i muscoli. Tra i più noti il plurititolato motociclista Giacomo Agostini, cosi' come gli altri piloti Max Biaggi, Marco Lucchinelli e Alex Crivillè, il pugile Nino Benvenuti, i fratelli Abbagnale della canoa, ma anche più recentemente il nuotatore Gregorio Paltrinieri.

11:51 AUSTRALIA, PRIMO CALCIATORE CONTAGIATO
Un calciatore del Newcastle Jets, squadra del campionato di calcio australiano, e' risultato positivo al coronavirus. Si tratta del primo caso di un giocatore della 'Serie A' in Australia ad ad essere ufficialmente infettato da Covid-19. "I Newcastle Jets confermano che un giocatore che gioca nella sua squadra della prima divisione ha subito un test che si è rivelato positivo - ha dichiarato il club in un comunicato senza specificare l'identità del giocatore - Il giocatore e la sua famiglia sono in buona salute e sono stati messi in isolamento in base al protocollo di quarantena imposto dalle autorita' sanitarie del Nuovo Galles del Sud", ha aggiunto il club. Secondo la stampa locale, il giocatore ha partecipato alla partita vinta, a porte chiuse, dai Newcastle Jets contro il Melbourne City (2-1) lunedi' durante l'ultima partita di prima divisione disputata in Australia prima della sospensione del campionato a causa della pandemia.

11:32 LEGA PRO SI RIUNISCE IL 3 APRILE
"Alla luce della situazione emergenziale che stiamo vivendo si ritiene necessaria una riunione assembleare". E' quanto annuncia la Lega Pro la cui riunione assembleare si terra', in call conference, venerdi' 3 aprile 2020 alle ore 11.00. I lavori della riunione assembleare si svolgeranno secondo il seguente: intervento e comunicazioni del Presidente; considerazioni sullo stato dell'emergenza COVID-19; cosa fare del campionato; interventi sugli stipendi dei tesserati; varie ed eventuali. 

11:20 PERCASSI. "BERGAMO NON DEVE MOLLARE"
"Noi, come popolo siamo abituati a non mollare. Bergamo non deve mollare, quella bergamasca è gente un po' chiusa ma tanto generosa ed è abituata a lottare senza mollare mai, anche se è una cosa che non si è mai vista e non si è mai verificata". Antonio Percassi, presidente dell'Atalanta è intervenuto questa mattina su RTL 102.5 per parlare di Bergamo, tra le città più colpite dal coronavirus, durante lo speciale di "Non Stop News" dedicato a Bergamo e all'iniziativa 'Una canzone per Bergamo' con il brano 'Rinascerò Rinascerai' di Roby Facchinetti e Stefano D'Orazio. "A me interessa, anche come società - aggiunge Percassi - mandare un abbraccio a tutti quelli che stanno soffrendo e fare un grande ringraziamento a tutti i medici e gli operatori del settore che stanno facendo un lavoro incredibile. Sono stato in un ospedale e quando sei lì sembra un brutto sogno, ti viene solo da piangere e per fortuna ci sono queste persone che stanno facendo dei miracoli". "La sto vivendo molto male - ammette Percassi - è una tragedia incredibile, è un virus che ci sta portando la nostra generazione più bella. Noi abbiamo avuto otto casi di persone che lavoravano per l'Atalanta ed è stata una cosa molto triste e dura, ma sta toccando anche i giovani Siamo di fronte a una bomba sanitaria, un nemico trasparente, sta diventando una guerra mondiale. Le immagini dei camion dell'esercito incolonnati davanti il cimitero di Bergamo resteranno per sempre nel cuore di noi bergamaschi". "Il legame tra il calcio e la città, l'Atalanta e i suoi tifosi, è qualcosa di incredibile e - prosegue Percassi - l'Atalanta quest'anno ha regalato grandi soddisfazioni Sì, è un legame speciale, particolare, i nostri tifosi sono incredibili soprattutto nei momenti di estrema difficoltà, c'è un'alchimia speciale. Mi auguro che quanto conquistato dall'Atalanta in questi anni possa strappare un sorriso al popolo che ci segue in questi giorni difficili".

10:30 UEFA, CEFERIN: "RIPARTIRE ENTRO GIUGNO O STAGIONE PERSA"
"Al momento non possiamo avere un piano definitivo, ne abbiamo diversi. Rinviare Euro 2020 e' stato un grosso sacrificio, era il principale introito per 50 federazioni su 55. Ma era la decisione giusta". Il presidente dell'Uefa, Aleksander Ceferin ne parla a Repubblica. "L`obiettivo - dice - è ricominciare a metà maggio, a giugno o anche alla fine di giugno con il calcio giocato. Se non ci riusciamo, probabilmente la stagione è persa. Se i club iniziano a giocare, anche noi possiamo finire le coppe. Si possono sfruttare le stesse date. Esempio: martedì Milan-Inter e anche, che so, Barcellona-Juventus. Lo stesso giorno: è una situazione speciale e unica. Date Europeo? Io penso che partirà l`11 giugno 2021. Se necessario, i club dovranno adeguare il numero di partite".

10:26 FERRARI: MODIFICATI I CALENDARI CORSE CLIENTI
La diffusione del contagio da COVID-19 e le restrizioni applicate dalle autorità nazionali e dalle organizzazioni motoristiche hanno portato ad una nuova definizione dei calendari delle attività sportive di Corse Clienti e di Club Competizioni GT. Al fine di garantire la sicurezza di piloti, clienti, lavoratori e partner, Ferrari resta in costante collegamento con le autorità ed è pronta ad adeguare le misure di sicurezza adottate in funzione dell'evolversi della situazione. Per il Ferrari Challenge Europe, il calendario e' stato rivisto attraverso una nuova collocazione dei round del Mugello e di Portimao che si sarebbero dovuti svolgere rispettivamente dal 3 al 5 aprile e dall'8 al 10 maggio. La stagione prenderà pertanto il via sul circuito di Brno, nel fine settimana del 7 giugno, mentre il round portoghese verrà disputato dal 31 luglio al 2 agosto, seguito dall'appuntamento al Mugello dal 28 al 30 agosto. Le altre date rimangono al momento inalterate. Per quanto riguarda il Ferrari Challenge Asia Pacific, dopo aver disputato la prima gara stagionale in Bahrain, i protagonisti della serie asiatica del Cavallino Rampante torneranno in pista sul Fuji International Speedway, posticipato al weekend del 24 maggio. Il terzo appuntamento, previsto originariamente a Shanghai, si svolgerà invece sul circuito di Suzuka dal 19 al 21 giugno. Cambio di data per la gara di Sepang, che viene riprogrammata al 18-19 luglio, mentre e' confermata quella di Suzuka dal 20 al 22 agosto.

09:45 RUGBY, ANCHE LA FRANCIA NON SI ASSEGNERA' IL TITOLO
Come ha deciso la Federugby italiana, anche Oltralpe la palla ovale si ferma in via definitiva. E' stata ufficialmente sospesa la stagione 2019-2020 e non verrà assegnato il titolo di campione di Francia.

09:40 CICLISMO, RINVIATA LA GRANFONDO GAVIA-MORTIROLO
A causa dell'emergenza coronavirus, il GS Alpi, alla luce di quanto sta accadendo in Italia e nel mondo, ritenendo che la situazione generale non permetta la completa sicurezza della manifestazione e della salute dei partecipanti, ha deciso di posticipare la data dell'evento Granfondo Internazionale Gavia e Mortirolo - Damiano Cunego, inizialmente prevista per il 28 giugno, al 6 settembre 2020.

09:30 PESI, URSO: "POSSIBILE RECLUTAMENTO DI ALTRI ATLETI PER TOKYO"
"Sicuramente è una scelta di buon senso ammetto non facile, ma comunque necessaria, non ci sarebbero state le condizioni. Il Giappone ovviamente avrà delle ricadute negative in ambito economico ma il rischio di fare i Giochi tra luglio e settembre p.v. sarebbe stato quello di avere la meta' degli atleti ed una affluenza di pubblico scarsissima". E' quanto afferma il presidente della Federazione Italiana ed Europea di Pesistica olimpica, Antonio Urso, a proposito del rinvio dell'Olimpiade di Tokyo al 2021. "Va considerato ancora che molti atleti quali probabili finalisti non si sono ancora qualificati perché non hanno concluso il ciclo delle competizioni previste dalle loro federazioni internazionali, questo significa che anche il livello tecnico dei Giochi sarebbe stato compromesso". La qualificazione per prendere parte alle Olimpiadi di Tokyo 2020, per quanto riguarda la Pesistica Olimpica, si sarebbe conclusa dopo gli Europei di Mosca di aprile. Dopo quella data i ranking olimpici avrebbero ufficialmente dichiarato i partecipanti di ciascuna categoria, femminile e maschile. In base alle classifiche attuali l'Italia parteciperebbe ai Giochi Olimpici con ben 3 atleti, un record assoluto. L'Italia era però ancora in corsa con diversi atleti, olimpici e paralimpici, quindi e' ancora tutto da stabilire. "Il lavoro fatto dalle direzioni tecniche e dagli staff tecnici - continua Urso - è stato quello di arrivare in condizione a luglio e a settembre e per questo devo fare i complimenti a tutti, tecnici atleti, staff sanitario e segreteria per avere costruito le migliori condizioni e sono certo che agli appuntamenti dei Giochi Olimpici e Paralimpici saremmo arrivati tutti nelle migliori condizioni per fare bene. Ora si tratta di allungare di un anno il progetto, il che pone le condizioni affinché tutti possiamo stare sullo stesso piano di partenza. Ci si apre ad esempio la possibilità di recuperare altri atleti per la qualificazione. Unico svantaggio potrebbe essere quello di tenere la motivazione altissima ancora un anno. Sotto questo aspetto le direzioni tecniche e i tecnici devono fare un ulteriore lavoro a favore di questo aspetto, ma conoscendo bene i nostri atleti sono certo che non sarà poi così difficile".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments