Playoff Serie B: gioia Frosinone, batte il Palermo e torna in serie A

I ciociari ribaltano la sconfitta dell’andata trionfando 2-0: decidono l’eurogol di Maiello al 52’ e Ciano al 96’. FInale ad alta tensione: i rosanero presenteranno ricorso

Il Frosinone torna in Serie A dopo due stagioni in cadetteria: i ciociari vincono i playoff e ottengono il pass per la massima serie. Decisivo il successo con il Palermo nella finale di ritorno giocata in casa, dove la squadra di Longo ribalta la sconfitta del match d’andata vincendo 2-0 grazie all'eurogol di Maiello al 52’ e con Ciano al 96’. Alla fine invasione di campo del pubblico dello Stirpe in delirio.

Stirpe pieno in ogni ordine di posto: il Palermo di Stellone, forte del successo dell'andata per 2-1, non rinuncia al solito 3-4-2-1 offensivo, mentre il Frosinone risponde schierando in avanti la coppia composta da Dionisi e Ciano. Nei primi minuti a farla da padrona è il nervosismo, con il gioco spesso interrotto dai fischi dell’arbitro. Al 6' Soddimo entra in area e cade, ma secondo l’arbitro La Penna il numero 10 giallazzurro si tuffa, e il ciociaro viene ammonito per simulazione. Al 15’ Ciofani ostacolato da Terranova non riesce a impattare il traversone preciso di Ciano: scintille tra i due. Risponde il Palermo un minuto dopo, Coronado entra in area e lascia partire un velenoso diagonale sul quale però si oppone bene Vigorito. Fioccano le ammonizioni, ben 5 nel primo tempo, e a risentirne è il gioco. Ci provano entrambe le compagini ma senza convinzione, e nessuna delle due si avvicina al gol. Si va all’intervallo sullo 0-0.

Nella ripresa, il Frosinone sblocca il match dopo appena sette minuti: Maiello dal limite lascia partire un destro a giro che si insacca nell’angolino sotto la traversa, su cui nulla può Pomini. Terzo gol stagionale per l’ex Empoli e Napoli. Al 60’ Coronado viene atterrato appena al limite dell’area: La Penna prima opta per la punizione dal limite, poi ci ripensa e assegna il penalty. L’arbitro viene accerchiato dai giocatori del Frosinone, e successivamente cambia nuovamente idea riassegnando la punizione. A battere il calcio piazzato ci va Jajalo che però calcia sulla barriera. Stellone si gioca il tutto per tutto finendo i cambi e mandando in campo Gnahoré e Trajkovski al posto di Rispoli e Murawski passando a un 4-4-2 a trazione decisamente anteriore. Lasciano il campo anche Gori, per una presunta lussazione alla spalla, e Maiello, per problemi muscolari, ed entrano Chibsah e Kone. Durante gli oltre cinque minuti di recupero (con più palloni in campo, lanciati anche dalla panchina del Frosinone) Ciano trova il raddoppio in contropiede. Impossibile frenare la gioia del pubblico dello Stirpe, che invade festosamente il campo e costringe l'arbitro, nonostante manchi ancora un minuto di gioco, a fischiare la fine dell'incontro. Il Frosinone è tornato in serie A.

PRESIDENTE PALERMO: "FAREMO RICORSO"

I palloni lanciati in campo da alcuni giocatori del Frosinone e l'invasione di campo prima del triplice fischio non sono andati giù al Palermo. Il presidente del club rosanero ha annunciato infatti che la società presenterà ricorso alle autorità competenti. "Abbiamo preparato la riserva verso l'omologa del risultato. Poi successivamente presenteremo ricorso - ha spiegato Giovanni Giammarva -. I motivi verranno esposti nelle sedi opportune più avanti". "Longo ha poi parlato di un argomento che non avrebbe dovuto trattare relativamente alla situazione dei conti del Palermo - ha aggiunto - Sto valutando se adire le vie legali contro il tecnico del Frosinone".

TAGS:
Calcio
Serie b
Frosinone
Palermo

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X