Champions, Tottenham-Juventus 1-2: bianconeri ai quarti

Higuain e Dybala rimontano il gol di Son in tre minuti e firmano l'impresa

di MAX CRISTINA

Impresa della Juventus che, vincendo 1-2 in rimonta a Wembley, ha eliminato il Tottenham qualificandosi per i quarti di finale di Champions League. Successo dall'anima argentina con Higuain e Dybala che nel giro di tre minuti, dal 64' al 67', hanno ammutolito i tifosi inglesi. Spurs in vantaggio al 39' con un gollonzo di Son, ma dopo il pari del Pipita con una zampata da pochi passi si è spenta la luce. Di Dybala in contropiede il gol vittoria.

LA PARTITA

La Juventus non si smentisce mai. Più forte degli infortuni, degli episodi sfortunati - vedasi rigore non dato a Douglas Costa - e della cabala. I bianconeri non mollano mai e anche a Wembley, il tempio del calcio inglese, in un modo o nell'altro hanno fatto valore la propria forza. L'1-2 in casa del Tottenham è arrivato con grinta e ferocia, forse le qualità migliori in questo momento della stagione per la Juventus, ma quasi a sorpresa dopo un'ora di gioco dominata dagli inglesi. Un graffio quello di Higuain, un gancio mancino quello di Dybala che nel giro di tre minuti hanno interrotto il "go marching in" degli Spurs, rievocando in tutta la sua crudeltà quella "Spursiness" che da sempre attanaglia la squadra inglese. Passa la Juve ai quarti di finale, sapendo soffrire e colpire al momento giusto, con la consapevolezza che i rientri importanti potranno dare una grossa mano allo step successivo.

"Spursiness" dicevamo, un credo ormai in terra d'Albione piuttosto che una semplice parola. E il Tottenham non ha perso occasione per mantenere fede alla propria - triste - fama del vorrei ma non posso. Essere "Spursy" significa tradire le proprie ambizioni ad un passo dal realizzarle e dopo il 2-2 di Torino e l'1-0 di Son a Wembley, mai i quarti di Champions erano parsi così vicini, appagati da un dominio tecnico e tattico evidente sul campo. Forse troppo, tanto da spegnere la luce e lasciare alla Juventus la possibilità di rinascita che, puntualmente è arrivata. Non si sa come, qualcuno si chiederà anche perché, ma è arrivata proprio come tutti, tranne gli Spurs, si aspettavano.

Tre minuti per cambiare il volto di un match complicatissimo e passato per tutto il primo tempo a rincorrere un Tottenham spavaldo e sicuro con la tecnica di Eriksen, la fisicità di Kane e le sgroppate taglia-gambe di Son. Dopo un rigore piuttosto clamoroso negato a Douglas Costa, e un paio di episodi dubbi in area anche per il Tottenham, proprio il coreano ha saputo mettere in difficoltà costante la retroguardia bianconera, soprattutto Barzagli schierato da terzino destro, fino a trovare il gol del vantaggio nell'occasione meno nitida di tutte, schiacciando a terra il suo destro su assist di Trippier e ingannando Buffon.

Un vantaggio che infiamma Wembley, ma che lascia sul campo una grande lacuna: nel primo quarto d'ora della ripresa, quando la reazione della Juventus sembrava non arrivare, gli Spurs non sono stati in grado di affondare il colpo del ko, anzi. Ridisegnando la squadra con Lichtsteiner terzino e Alex Sandro alto, gli episodi hanno sorriso ai bianconeri. Un mancino fuori di Dybala è il campanello d'allarme che gli inglesi ignorano, e l'uno-due vincente arriva poco dopo: Higuain al 64' è bravo a trovare la zampata vincente in area su sponda di Khedira, ma è ancora più geniale tre minuti dopo nel mettere Dybala davanti a Lloris per la rete della qualificazione. Fattore comune: la posizione di Sanchez, disastrosa.

Il finale è un assedio del Tottenham in cui si esaltano Chiellini e Barzagli, aiutati da quella fortuna che i bianconeri hanno saputo costruirsi. Due conclusioni di Son lambiscono il palo, Kane lo centra di testa al 90' a Buffon battuto col pallone danzante sulla linea spazzato via da Barzagli. La firma della vecchia guardia su un'impresa storica: dopo cinque eliminazioni consecutive contro le inglesi, la Juventus non ha sbagliato. Ha sofferto molto, ma non ha sbagliato.

LE PAGELLE

Higuain 7,5 - Non è al meglio, ma non importa. La sua firma sulla vittoria è ben visibile e il rigore sbagliato all'andata ormai un ricordo. Riaccende la speranza con un gol da centravanti puro e lancia Dybala come un numero 10 doc.

Chiellini 7,5 - Male nel primo tempo, spesso in difficoltà contro Kane e compagni. Nella ripresa è uno spettacolo da vedere: lotta su ogni pallone come siamo abituati a vederlo, non molla mai nemmeno un centimetro.

Douglas Costa 6,5 - Quando i compagni sembrano spaesati è l'unico a provarci davvero. Nel primo tempo è l'unico a fare qualcosa di offensivo per la Juventus, e si sarebbe procurato anche un rigore...

Barzagli 6 - Una media tra il disastro da terzino destro e la solita prova di sostanza spostato come centrale. Sulla fascia è sempre e costantemente in difficoltà

Son 7 - Il migliore in campo dei suoi e per distacco l'uomo più pericoloso. Merita lui il gol

Sanchez 4,5 - Due errori di posizione che costano carissimo agli Spurs.

IL TABELLINO

TOTTENHAM-JUVENTUS 1-2 (and. 2-2)
Tottenham (4-2-3-1):
Lloris 5,5; Trippier 6, Sanchez 4,5, Vertonghen 5, Davies 5,5; Dier 6 (28' st Lamela 5), Dembelé 6; Eriksen 6, Alli 5 (41' st Llorente sv), Son 7; Kane 6,5. A disp.: Vorm, Rose, Wanyama, Sissoko, Lucas. All.: Pochettino 6.
Juventus (4-4-2): Buffon 6; Barzagli 6, Benatia 5,5 (16' st Lichtsteiner 6,5), Chiellini 7,5, Alex Sandro 6; Douglas Costa 6,5, Khedira 6,5, Pjanic 6, Matuidi 5,5 (15' st Asamoah 6); Dybala 6,5, Higuain 7,5 (38' st Sturaro sv). A disp.: Szczesny, Rugani, Bentancur, Marchisio. All.: Allegri 6,5.
Arbitro: Marciniak
Marcatori: 39' Son (T), 19' st Higuain (J), 22' st Dybala (J)
Ammoniti: Vertonghen, Alli (T); Alex Sandro, Pjanic, Benatia, Chiellini (J)
Espulsi: nessuno

LE STATISTICHE

Per la prima volta la Juventus ha passato il turno nella fase ad eliminazione diretta di Champions League contro una squadra inglese (quattro eliminazioni in precedenza).
La Juventus ha subito solo quattro gol nelle ultime 21 partite ufficiali, tre di questi contro il Tottenham.
Era dal marzo 2016 (26 contro il Bayern Monaco) che la Juventus non concedeva così tanti tiri in una partita di Champions League (23).
La Juventus ha segnato con i suoi primi due tiri nello specchio nella partita, solo due minuti e 49 secondi tra le marcature.
La Juventus ha schierato oggi la sua formazione titolare più anziana in questa Champions League (30 anni, 341 giorni).
Gonzalo Higuain ha eguagliato il suo record di marcature in una singola stagione in Champions League (cinque).
Per la prima volta dal novembre 2011 (con il Real Madrid) Higuain ha sia segnato che servito un assist nella stessa partita.
Paulo Dybala ha segnato in UCL 330 giorni dopo il suo ultimo gol nella competizione.
100a presenza con la maglia della Juventus per Sami Khedira (in tutte le competizioni).
Per Stephan Lichtsteiner invece è stata la numero 250 con la Juve in tutte le competizioni.

TAGS:
Champions league
Tottenham
Juventus
Pagelle
Tabellino

Argomenti Correlati

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X