TENNIS

Sinner si gode il primo giorno da numero 1: "Obiettivo di quest'anno, penso già a Wimbledon"

Il fuoriclasse azzurro ha raccontato le proprie sensazioni dopo l'ufficialità della nuova classifica ATP: "Sono felice, obiettivo più importante è sempre quello di migliorare"

di
  • A
  • A
  • A

Jannik Sinner è ufficialmente entrato in una nuova dimensione, quella di numero 1 del tennis maschile al mondo. Con la pubblicazione della classifica ATP al termine del Roland Garros, il 22enne di Sesto Pusteria è diventato il primo italiano a occupare la cima della graduatoria mondiale, vivendo di fatto un sogno. Ciò non ha scomposto il fuoriclasse bolzanino che è pronto a guardare avanti verso nuovi obiettivi. "Rappresenta un grande risultato di etica del lavoro. Era uno dei miei obiettivi per me e per la mia squadra quest'anno. L'obiettivo più importante è sempre quello di migliorare come giocatore e come persona" ha detto il neo numero 1.

"Nell'ultimo periodo ho giocato davvero un buon tennis. Sono molto felice di essere in questa posizione" ha sottolineato nel giorno della premiazione a Monte Carlo.

E in un'intervista rilasciata all'Associated Press, l'azzurro ha spiegato: "Non ho festeggiato. Sono nel bel mezzo della stagione. Ci sono tornei molto importanti in arrivo, c’è Wimbledon. È un grande risultato, che festeggerò sicuramente con i miei cari, prima o poi. Ovviamente sono molto felice; è un sogno diventato realtà. Ma in altri modi, ora si presentano nuove sfide".

In grado di scalzare Novak Djokovic dal tetto del globo, Sinner è pronto ad affrontare il torneo di Wimbledon per la prima volta in carriera da leader della graduatoria. Una situazione che potrebbe spingere gli avversari a dare di più: "Non hanno più niente da perdere contro di me, e io ho tutto da perdere, ma questa è la parte emozionante. E mi piace... - ha raccontato il fuoriclasse tricolore -. Devi lavorare per avere nuove soluzioni in campo, e questo spero sarà il mio prossimo passo. Cerco di prepararmi per essere più imprevedibile in campo. Questo è quello che voglio imparare nei prossimi mesi".

Oltre alla vittoria degli Australian Open, Sinner ha svolto una stagione da record con trentatré partite vinte e sole tre perse, di cui due da Carlos Alcaraz, da oggi numero 2 della classifica ATP. L'azzurro desidera però presto di ritrovarsi di fronte Djokovic: "All'inizio dell'anno abbiamo detto: 'Andremo a caccia e poi vedremo cosa possiamo catturare. E adesso è sempre lo stesso. Ogni torneo è una grande opportunità per mostrare qualcosa di nuovo e anche la volontà di vincere il più possibile. Ma non dimenticare anche il processo. Se vuoi diventare un tennista migliore, a volte devi perdere - ha concluso Sinner -. Spero che Novak torni il prima possibile. Spero che possa, in qualche modo, giocare a Wimbledon perché sarebbe dura non averlo".

GAUDENZI: "SINNER IMPRESSIONANTE"

E il lavoro di Jannik Sinner è stato notato anche da Andrea Gaudenzi, presidente dell'ATP, che consegnando il premio da numero 1 al mondo all'italiano ha sottolineato: "L'ascesa di Jannik al numero 1 del mondo è stata a dir poco notevole. Questo è il risultato più impegnativo e impressionante del nostro sport, che richiede immensa dedizione, determinazione e fiducia in se stessi. Ciò si riflette nell'elenco esclusivo dei grandi del tennis che hanno occupato il primo posto, con Jannik che è diventato solo il 29esimo giocatore a raggiungere la posizione numero 1 in oltre 50 anni di storia".

"Jannik può essere immensamente orgoglioso di tutto ciò che ha realizzato. A nome dell'ATP, siamo entusiasti di unirci ai suoi numerosi fan nel celebrare questo momento. A soli 22 anni, ha una strada incredibile davanti a sé. Sarà affascinante vedere il suo viaggio continuare".

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti