L'economia del gesto sportivo: fra genetica e tecnica di corsa

Ognuno di noi ha un proprio stile di corsa, attenzione a non stravolgerlo

  • A
  • A
  • A

Ancora prima di spremerci cercando di correre qualche secondo più forte al chilometro, preoccupiamoci di correre bene.Una caratteristica fondamentale nella corsa di lunga durata, infatti, è l'economia del gesto sportivo. Questo parametro indica la nostra efficienza: a parità di potenza aerobica, meno energia spediamo e più forte possiamo correre.

L'economia di corsa è in gran parte predeterminata e dipende dalla nostra struttura fisica e da alcune caratteristiche delle fibre muscolari. Anche gli anni di allenamento che abbiamo alle spalle, i chilometri percorsi, l'abitudine a svolgere prove ripetute e alcune caratteristiche legate al posto in cui ci si allena, come la presenza di percorsi ondulati o l'allenamento in quota, possono in parte incidere su questo fattore.
Se per molti di questi si tratta di parametri innati o migliorabili solo grazie ad anni o decenni di allenamento, non è il caso di disperarsi! Esistono anche altri parametri più immediati che possano influenzare la nostra economia di corsa e migliorare la nostra performance: cadenza, tempi di contatto del piede col terreno e oscillazione verticale.

Prima di attuare qualsiasi modifica tecnica, ricordatevi però che ognuno di noi ha un proprio stile di corsa, dato da equilibri individuali e dalla naturale propensione verso il gesto più economico. Stravolgere in modo eccessivo il proprio stile può essere deleterio per la prestazione, adottate quindi delle modifiche lievi e progressive, se necessarie.

Anche la scarpa può influenzare le dinamiche dell'appoggio: calzature con un differenziale elevato tenderanno a spostare il primo punto di appoggio del piede a terra verso il tallone. Anche su questo versante, non stravolgete le vostre abitudini e procedete con cambiamenti graduali e di lieve entità, valutando volta per volta cosa vi porta beneficio e quali cambiamenti potrebbero invece essere forieri di risentimenti muscolo-tendinei.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments