Nazionale, Benassi esulta: “Italia, finalmente sono qui”

A Coverciano ha preso la parola anche Barella che promette: “Prenderò meno gialli”

  • A
  • A
  • A

Sono giorni di allenamenti intensi nel ritiro dell'Italia a Coverciano in vista dei due impegni non facili in Nations League contro Polonia e Portogallo. Il ct Mancini sta cercando l'undici migliore per l'esordio del prossimo venerdì a Bologna contro Lewandowski e compagni. Un undici che potrebbe vedere dal primo minuto sia Marco Benassi che Nicolò Barella, entrambi a segno in queste prime tre giornate di serie A con i loro rispettivi club.

Benassi è addirittura in testa alla classifica dei marcatori della serie A dopo le tre giornate grazie alle reti rifilate a  Chievo ed Udinese con la casacca della Fiorentina: “Quando non venivo convocato pensavo che dovevo fare qualcosa in più, ora sono sono stato convocato e sono felice di poter dare tutto per la maglia azzurra - le parole della mezz'ala convocata da Mancini -. Sono qui per dare il massimo e il mio contributo. Non ho pensato all'esordio, penso a fare bene in allenamento. Da quando sono in serie A e' il momento migliore. Mi sento più libero e più sereno. Continuare a segnare così sarà difficile, ma la cosa più importante e' la prestazione, poi i gol diventano la conseguenza”.

In conferenza stampa si è presentato anche Nicolò Barella sul quale ci sono grandi aspettative per il futuro: “Non mi sento la pressione addosso di essere un leader, anzi non mi sento un leader ma un ragazzo che dà sempre il massimo - le parole del centrocampista del Cagliari -. In campo dò tutto e se c'e' da mettere la gamba la metto. Ma devo cercare di prendere meno gialli”.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments