MotoGP, squillo Iannone in FP1

Miglior tempo per l'abruzzese della Suzuki davanti a Marquez e Rossi, 5° Dovizioso

di
  • A
  • A
  • A

Andrea Iannone è il pilota più veloce nella prima sessione di prove libere del GP di Germania, nona tappa del Motomondiale. Il pilota Suzuki ha chiuso in 1'21''442, tenendosi alle spalle la Honda del leader mondiale Marc Marquez (+ 0''390) e la Yamaha di Valentino Rossi (+ 0''552). Quarto crono della mattinata per Vinales con l'altra M1 (+ 0''710), davanti a Dovizioso con la prima delle Ducati (+ 0''819).

L'abruzzese è il primo ad alzare la voce e tentare di far vacillare le certezze di Marquez sul circuito della Sassonia. Sfruttando gli ultimi cinque minuti di time attack Iannone è riuscito a strappare il miglior tempo della FP1 proprio al 93, a lungo il più veloce in pista. Marc, in ogni caso, è solamente a 4 decimi ed è come sempre apparso particolarmente a suo agio tra le curve del tracciato tedesco. Lo spagnolo centra l'accoppiata pole-vittoria ormai da otto anni consecutivi al Sachsenring (cinque in MotoGP, due in Moto2, uno in 125), un vero e proprio dominio che non sarà semplice scalfire.


A provarci, sicuramente, ci sarà anche Valentino Rossi, attualmente secondo nel mondiale anche se con un distacco dalla vetta tutt'altro che incoraggiante. Il Dottore ha completato 23 giri migliorandosi proprio all'ultimo assalto e chiudendo a mezzo secondo dal connazionale, rifilando quasi due decimi al vicino di box Vinales.

Più staccata, al momento, la pattuglia Ducati, che non si è però lanciata in un vero e proprio time attack nel finale: Dovizioso ha chiuso col quinto tempo, davanti ai due piloti del team Pramac, Petrucci (6° a + 0''895) e Miller (7°  a + 0''973), mentre il compagno di team Jorge Lorenzo si è portato a casa l'8° a + 0''980. Quattro Desmosedici in poco più di un decimo.

A chiudere la top 10, quindi momentaneamente qualificati direttamente per il Q2, Redding con l'Aprilia e Zarco con la Yamaha Tech3. Fuori invece Dani Pedrosa (14°), all'indomani dell'annuncio del suo ritiro dalle competizioni, solamente 22° il rientrante Franco Morbidelli. Il Morbido è stato valutato dopo la sessione e dichiarato "unfit" per il prosieguo del weekend: sarà sostituito da Stefan Bradl a partire dalla FP2.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments